ASCOLI PICENO -Appuntamento culturale e sociale nel capoluogo.

Domenica 12 gennaio il Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno rinnova l’appuntamento con la stagione dedicata ai ragazzi promossa dal Comune di Ascoli Piceno con l’Amat, il contributo di Regione MarcheMiBACT e il sostegno di Bim Tronto.

In scena “Costellazioni. Pronti, partenza…spazio!” di Sosta Palmizi, uno spettacolo dedicato alla scoperta dell’Universo, un viaggio fantasioso e giocoso che parte dalla Terra per spingersi verso le stelle.

Dopo anni e anni di studi e osservazioni dello spazio, il professor Radar si sveglia in quel sogno tanto desiderato. Insieme alle professoresse Bussola e Calamita, mette finalmente in azione l’invenzione del secolo: la Carrozzina Spaziale, una straordinaria invenzione per mettersi alla ricerca di un luogo simile alla terra. Attraverso questo viaggio fra pianeti e corpi celesti vivremo la danza delle costellazioni: punti luminosi nel cielo, apparentemente vicini fra loro ma realmente distanti milioni e milioni di anni luce, punti di vista differenti uniti nello sguardo di chi li osserva. La prospettiva, la relatività, le dimensioni del tempo e dello spazio, le qualità della materia, i movimenti dei corpi, la luce: tutto è presente attraverso il gioco, la danza e l’immaginazione di chi è capace di vedere oltre i limiti dello sguardo. Così professor Radar, Bussola e Calamita continueranno il loro viaggio nello spazio interstellare e chissà quante altre avventure vivranno, quali mondi nuovi e stelle e galassie scopriranno! Mentre li vediamo sparire diventando piccolissimi punti luminosi, noi siamo qua sapendo che la Terra e tutti noi facciamo parte del grande Spettacolo dell’Universo e, per continuare a danzare insieme al nostro piccolo Mondo, è importante averne cura. Ora è tutto pronto per intraprendere questo speciale viaggio. Basta solo cominciare: pronti, partenza…spazio.

Informazioni e biglietti: biglietteria del Teatro 0736 298770. Inizio spettacolo ore 17.30.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.