ASCOLI PICENO – A due giorni dalla partita contro il Trapani che darà il via al girone di ritorno del campionato di Serie B parla il patron dell’Ascoli Calcio Massimo Pulcinelli, in visita oggi, 16 gennaio, alla squadra.

Ecco le sue parole: “Ho molti impegni di lavoro ma ho voluto essere qui, ho visto l’atteggiamento giusto della squadra, l’affiatamento migliora sempre; c’è qualcuno fermo ai box, credo che purtroppo sia Petrucci che Brosco non saranno della partita purtroppo. L’allenatore del Trapani (Castori) ci conosce bene, in trasferta abbiamo raccolto davvero poco, non possiamo che fare meglio. Sul mercato stiamo raggiungendo gli obiettivi che ci eravamo prefissati, non penso ci siano problemi sull’ossatura della squadra, cerchiamo qualcuno che possa darci una mano, Tesoro sta lavorando bene a Milano. Ardemagni e Ninkovic? Per me sono giocatori dell’Ascoli, poi se chiedono di andare via loro vedremo. L’obiettivo rimane raggiungere i play-off, in bocca al lupo a noi”.

“Siamo in trattativa molto avanzata con Ranieri – continua il patron dell’Ascoli – sono un neofita del calcio con un anno e mezzo di esperienza, stiamo lavorando a questo aggiustamento cercando rinforzi in quelle zone del campo in cui pensiamo di dover esprimere qualcosa in più. Chi ha calcato un campo di Serie A è preferibile ad un giovane, ma i giovani che abbiamo preso sono davvero interessanti, la differenza la fa la fame e la voglia di raggiungere gli obiettivi. L’agente di Covic è un amico, le sue caratteristiche mi sono piaciute e l’ho consigliato al direttore Tesoro; non vinceremo il campionato grazie a lui ma può darci una mano. Scamacca? Ci siamo già confrontati con il Sassuolo e siamo certi al 100% che resterà qui. Se prenderemo un centrocampista centrale? Credo di sì, se sarà all’altezza della situazione e potrà darci una mano. Darei un 7 a questo Ascoli finora, sono soddisfatto anche se mi arrabbio in privato, 5 punti fuori casa su 30 sono pochi, spero che il girone di ritorno sia diverso”.

“L’anno scorso pensavamo di esserci rinforzati invece abbiamo fatto meno punti nel girone di ritorno – prosegue Pulcinelli – nel calcio non si può mai dare nulla per scontato. La Primavera? A livello giovanile penso che la classifica conti poco, dobbiamo migliorare a livello di strutture, qua al Picchio Village c’è poco spazio, dovremo pensare se allargarlo p se farlo ex novo da un’altra parte. La mia ambizione è che la gente voglia venire all’Ascoli, i giocatori passano 8 ore al giorno al centro sportivo che quindi deve essere il più possibile confortevole. Lo stadio? So che è stata appaltata la demolizione della curva, sulla tribuna centrale dovremo investire noi, dobbiamo decidere se investire sul Del Duca o su uno stadio nuovo. La Var? Penso sia uno strumento indispensabile, avremmo avuto almeno 4 punti in più secondo me. Zanetti? Mai pensato ad un cambio di panchina”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.