ANCONA – “A livello regionale sono le Marche a registrare la crescita del Pil piu’ elevata, con un 3% di aumento rispetto all’anno precedente. Un deciso recupero dell’attivita produttiva si rileva anche per l’Abruzzo, dove il Pil e’ cresciuto del 2,2% a fronte dello 0,6% del 2017″.

Lo rileva l’Istat, diffondendo i dati del 2018. Numeri che sembrano evidenziare una ripresa economica in alcune delle aree colpite dai terremoti del 2016 e del 2017.

Bene fa anche la Provincia autonoma di Bolzano ( 2%). E sopra la media nazionale si posizionano altre tre regioni del Mezzogiorno: Sardegna e Puglia ( 1,4%) e Molise ( 1,2%). In Lombardia, invece, la crescita economica rallenta sensibilmente: nel 2018 il Pil e’ aumentato dello 0,5%, contro il 2,2% dell’anno precedente.

Lazio (-0,2%) e Sicilia (-0,3%) chiudono il 2018 con una diminuzione del Pil in volume, ma le flessioni piu’ rilevanti, viene sottolineato nel report, si riscontrano in Campania (-0,6%) e Calabria (-0,8%).


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.