CORINALDO – E’ stata fissata per il 5 marzo prossimo l’udienza per la cosiddetta banda dello spray, i sei ragazzi della Bassa Modenese accusati di essere i responsabili della strage della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, la notte tra il 7 e l’8 dicembre 2018.

Tutti, dopo il giudizio immediato chiesto dalla Procura di Ancona, aveva chiesto di procedere con l’abbreviato e l’udienza è stata fissata proprio per procedere al rito alternativo che, in caso di condanna, prevede uno sconto di pena. L’abbreviato riguarderà Ugo Di Puorto, Andrea Cavallari, Moez Akari, Raffaele Mormone, Souhaib Haddada e Badr Amouiyah, poco più che ventenni, in carcere dal 2 agosto scorso.

L’accusa è di omicidio preterintenzionale, associazione per delinquere, lesioni personali e singoli episodi di rapine e furti con strappo.

Quella notte morirono, per la calca generata dallo spruzzo in discoteca di spray al peperoncino (finalizzato a rapinare il pubblico delle catenine d’oro), cinque minorenni ed una mamma di 39 anni.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.