LIVORNO – Vittoria importantissima per i bianconeri che superano con un netto 3 a 0  il Livorno sempre più ultimo.

Abascal all’esordio sceglie di far partire subito i nuovi arrivati Ranieri e Trotta, scelta azzeccatissima, l’ex Frosinone realizza una doppietta andando in rete al 6′ e al 94′ e il difensore ex Fiorentina, schierato da centrale offre una prestazione brillante anche in fase offensiva. Morosini sempre determinante raddoppia a inizio ripresa dopo un’altra grande prestazione lascia spazio a Beretta al 66esimo, anche l’attaccante dimostra di essere davvero in forma.

Trotta diventa subito idolo dei tifosi, non segnava da 21 mesi e sigla una doppietta all’esordio andando a esultare sotto la curva degli  oltre cento sostenitori bianconeri arrivati in Toscana.

Il giovane tecnico della Primavera dell’Ascoli, Abascal, esordisce così in Serie B per sostituire l’esonerato Zanetti commenta così ai microfoni di Dazn: “Emozioni fortissime, abbiamo vissuto un periodo importante, mi è dispiaciuto lasciare i ragazzi della Primavera. Siamo venuti qui per vincere ho cercato di cambiare qualcosa a livello tattico, i giocatori meritano questo, sono stati tanto criticati ma uniti possono andare avanti hanno dimostrato che cosa possono fare. Sono un perfezionista? Impossibile dormire con due squadre da gestire. Questa partita era difficile, ci siamo divisi con lo staff, ma secondo me bastava solo uno sprint mentale, abbiamo studiato gli avversari ma a livello difensivo abbiamo sofferto tanto. Li ringrazio per tutto quello che hanno fatto una partita bellissima.”

Sui nuovi? “Il rapporto che l’allenatore deve avere con il calciatore è di ascolto,  li dobbiamo ascoltare e vedere cosa vogliono e che capacità hanno e anche se sono arrivati ora sembrava che  fossero già qui da tempo e quelli che già c’erano li hanno aiutati ad inserirsi. Il mio futuro? In primis ringrazio il Ds Tesoro senza lui non avrei avuto aperte le porte del campionato italiano, ringrazio il patron Pulcinelli e i ragazzi della Primavera perché grazie a loro sono qui, poi la società deciderà. Sul primo gol ringraziato la mia compagna in tribuna e i miei genitori non me l’aspettavo che venissero, lei mi segue sempre e la vittoria l’ho dedicata a a lei che è sempre con me.”


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.