ASCOLI PICENO – “E’ necessario fare chiarezza: le scuole di ogni ordine e grado delle Marche resteranno aperte fino a nuovo avviso, contrariamente a quanto deciso con una ordinanza regionale che prevedeva la chiusura di tutte le scuole come misura di prevenzione del Coronoavirus perché la sicurezza dei cittadini, dai più piccoli ai più grandi, viene prima di tutto”.

Così il Governatore Luca Ceriscioli in una nota-filmato diffusa sui Social Network: “Durante la conferenza stampa mentre illustravo i contenuti dell’ordinanza infatti, in una telefonata, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha chiesto che tutte le Regioni domani mattina alle 10 si confrontino per coordinarsi e portare avanti le stesse iniziative.Io continuo a pensare e ad essere convinto che la cosa migliore sia chiudere le scuole ed annullare le manifestazioni dove la gente si concentra perché in questa fase dobbiamo bloccare ogni spazio dove il virus può espandersi. Domani comunque avremo gli aggiornamenti della situazione”.

Per quanto riguarda la Regione Marche, in ogni caso, da domani mattina sarà disponibile dalle 8 alle 20 il numero verde 800936677 per rispondere alle domande dei cittadini. Ceriscioli aggiunge: “Servirà come punto di informazioni con 4 linee a cui rispondono dei medici per dare risposte a chi ha bisogno di chiarimenti rispetto alla propria condizione di salute e alle proprie necessità. Ricordiamo che nelle Marche fino ad oggi non c’è stato alcun caso di contagio al momento, ma che questo non ci permette assolutamente di abbassare la guardia”.

Il Numero Verde (800936677), con quattro linee dedicate (8-20) e altrettanti medici a disposizione, attivo da domani, per informare i cittadini sull’emergenza Coronavirus e sui comportamenti da tenere; una telefonata registrata con la voce del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, sugli stessi temi, per raggiungere via telefono fisso anche quelle persone, in particolare anziane, che non utilizzano social network o internet. Sono alcune misure che la Regione Marche adotterà per facilitare un’informazione corretta dei cittadini. L’ordinanza regionale con i provvedimenti ulteriori per limitare i rischi di contagio (dalla chiusure delle scuole allo stop alle manifestazioni pubbliche) è ‘sospesa’ in attesa della riunione di domani di coordinamento Governo-Regioni: intanto la Regione procederà con il Numero Verde. Le persone, precisa Ceriscioli, in caso necessitino di informazioni, devono telefonare prima al proprio medico o al pediatra, e poi eventualmente rivolgersi al Numero Verde.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.