ANCONA – Nel bel mezzo delle montagne russe di questi giorni che hanno visto protagonista la Regione Marche, nel bel mezzo del braccio di ferro con il Governo sull’emergenza Coronavirus, il Pd annuncia ufficialmente la candidatura di Maurizio Mangialardi, attuale sindaco di Senigallia e presidente dell’Anci regionale, alle prossime regionali che si terranno in primavera.

Dunque Mangialardi è il candidato ufficiale del Partito Democratico, che adesso guarda con attenzione alle mosse dei potenziali alleati.”Quella di Mangialardi è una candidatura che può unire l’elettorato di
centrosinistra, il Pd e gli alleati” ha fatto sapere il Pd Marche che con 35 voti su 38 ha scelto il suo candidato all’assemblea regionale a cui ha partecipato anche Andrea Orlando, vicesegretario nazionale dei “dem”.

Dunque l’obiettivo sarà quello di cercare consensi sul sindaco di Senigallia sia nell’area di centrosinistra, Italia Viva in primis, ma guardando anche ai 5 Stelle (“parlerò anche a loro” ha detto in una recente intervista Mangialardi). Resta da capire, inoltre il ruolo che reciterà Sauro Longhi, che si era autocandidato a inizio anno e che puntava alle primarie nell’are di centrosinistra.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.