ASCOLI PICENO – Oltre il 70% dei vivai delle Marche ha sede nelle province di Ascoli e di Fermo.

È quella ascolana la provincia più ricca di attività che si occupano di produzione e vendita di piante e in questi giorni non è mancato il fermento in vista dell’8 Marzo, Giornata internazionale della Donna, che vede nelle mimose il fiore simbolo da regalare per tradizione.

E proprio ad Ascoli Piceno, al mercato coperto di via Tranquilli, la mimosa ha fatto la sua comparsa tra i banchi degli operatori di Campagna Amica, salutati ieri mattina dal neodirettore della Coldiretti regionale, Alberto Frau. Fiori e piante ma anche un vasto paniere di prodotti del territorio tra gli stand che fanno la vendita diretta dei prodotti del territorio.

Morale: questa mattina, 7 marzo, si è assistito a un vero e proprio boom di vendite. Merito anche della campagna #Mangiaitaliano, lanciata da Coldiretti a livello nazionale per combattere la disinformazione, gli attacchi strumentali e la concorrenza sleale e per salvare la reputazione del Made in Italy.

“L’agroalimentare – commentano Armando Marconi e Alessandro Visotti, presidente e direttore di Coldiretti Ascoli Fermo – è messo a rischio dall’emergenza Coronavirus nella sua intera filiera, dai campi agli scaffali e fino alla ristorazione. Qui nei mercati di Campagna Amica si ha la possibilità di conoscere direttamente i protagonisti dell’agricoltura italiana che, per biodiversità, qualità e genuinità, non ha eguali al mondo”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.