ASCOLI PICENO – “In giorni in cui siamo tutti richiamati a un atteggiamento di massima responsabilità, sono quanto mai convinto che il ruolo centrale delle donne marchigiane e il loro contributo forte e generoso siano decisivi per affrontare anche questa criticità. Ognuna all’interno della propria cerchia, che sia quella familiare o il luogo di lavoro”. È la riflessione del Presidente della Camera di Commercio, Gino Sabatini, alla vigilia di un 8 marzo molto particolare. “Penso a questa ricorrenza come occasione di conoscenza e riconoscenza verso le donne, che abbatta i pregiudizi e il terribile disprezzo di cui, troppo spesso sono vittime”. 

Qualche dato. Le imprese delle donne nella nostra regione sono 38.825, il tasso di “femminilizzazione” sul totale è del 23,1%, in aumento negli ultimi cinque anni anche rispetto al sistema Italia. A fine anno l’analisi della presenza femminile nel tessuto imprenditoriale marchigiano ha visto confermato il trend italiano dell’incremento di imprese a titolarità di donne nei settori che offrono servizi alle famiglie, nell’istruzione, nell’assistenza sociale, nella sanità, con una specializzazione più forte che altrove nella cura e nell’assistenza all’infanzia (incidono per 40,5% sul totale delle imprese femminili). 

“Siamo alle solite: la vocazione alla cura è di matrice femminile. In altre parole, le donne si sobbarcano il peso dei piccoli e degli anziani. Più donne capocantiere, più capitane d’impresa farebbero notizia e piacere. Però: prendersi cura è anche curare e recuperare. Azioni che la contingenza socio sanitaria in cui siamo immersi rende particolarmente apprezzabili e preziose” spiega Sabatini

La complessità, si dice, è questione femminile e sicuramente un sistema complesso è quello rappresentato dall’emergenza Coronavirus: ha implicazioni sulla salute, sull’economia, sulle relazioni sociali, sulle abitudini, sul costume, sui sentimenti.  

Per Marta Mattioni, componente di Giunta della Camera di Commercio delle Marche  e titolare d’impresaCome in altri ambiti l’emergenza sanitaria ha evidenziato un problema italiano che preesiste all’epidemia: la necessità di supporti alle donne lavoratrici e imprenditrici che, già in equilibrio in condizioni normali tra gestione aziendale e familiare, ora devono fare i conti con le scuole chiuse. Le imprese, a partire dalla mia, stanno organizzandosi in autonomia anche con soluzioni di asili aziendali anche improvvisati ma servono disposizioni nazionali, ufficiali, omogenee e concertate“.

“Le donne le prime a risentire dei disagi che la situazione di restrizione e contenimento del contagio comporta: non solo minori a casa ma anche gli anziani in isolamento di cui prendersi cura. Gli asili privati, le ludoteche, i centri per l’infanzia (che stanno pesantemente risentendo, come moltissime altre attività d’impresa, dello stallo in atto) sono nelle Marche un pronto soccorso di accudimento fondamentale per le famiglie del territorio: e sono nel 89% dei casi gestiti da donne – prosegue Marta Mattoni – Come Camera Marche stiamo cercando, per questi come per altri comparti (il turismo in primis, la ristorazione ma anche la manifattura), di trovare, insieme alle istituzioni regionali, nazionali e dentro il sistema camerale, linee di intervento e misure a partire dal credito, per fare fronte alla situazione di eccezionale difficoltà”.

“Quindi in prima battuta il mio ringraziamento e il mio augurio va alle lavoratrici (le dipendenti di Camera Marche, le imprenditrici marchigiane, il corpo docente, sanitario e paramedico) per lo sforzo che stanno compiendo nel quotidiano, semplificando la vita a famiglie e organizzazioni di appartenenza. Al loro lavoro inesausto e silenzioso, al coraggio (che altro è dalla temerarietà ) si deve il mantenimento di quel po’ di normalità che la situazione consente. Ma servono ora misure dai livelli istituzionali e territoriali sovraordinaticonclude Sabatini.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.