MILANO – Consiglio direttivo, nel pomeriggio del 12 marzo, della Lega Serie B. Collegati in video conferenza con il presidente Mauro Balata, il direttore generare Stefano Pedrelli, il vice presidente Marco Mezzaroma, quindi i consiglieri Giuseppe Corrado, Massimiliano Santopadre, Daniele Sebastiani, Oreste Vigorito, Carlo Grippo Mauro Pizzigati.

Il Consiglio direttivo ha deciso all’unanimità di proporre all’Assemblea, che si svolgerà oggi sempre in videoconferenza, la necessità di proseguire con gli stessi criteri, di trasparenza e uniformità, adottati nel corso di queste settimane, attenendosi alle prescrizioni dettate dalle autorità preposte alla salute e alla sicurezza pubblica, uniformandosi responsabilmente alle disposizioni governative in tema di Covid-19.

A questo proposito il Consiglio direttivo della Lega B ha evidenziato come tutti i club siano compatti nell’osservare le disposizioni dettate dalle competenti autorità e nel dotarsi di ulteriori criteri a tutela della salute pubblica e di tutti i tesserati, ma anche nel garantire il principio della regolarità delle competizioni sportive.

Il Consiglio direttivo della Lega B, infine, ha preso atto con soddisfazione del Comunicato ufficiale della Federazione in cui vengono rimodulate le scadenze dei pagamenti delle ritenute IRPEF, dei contributi INPS e il Fondo fine carriera. Una decisione che fa seguito alle istanze formulate più volte dai presidenti dei club di B nei giorni scorsi e di cui il presidente Balata si è fatto portavoce presso la Federazione.

La Lega nazionale Professionisti B, trasmette ulteriori suggerimenti con l‘obiettivo di tutelare la salute dei tesserati e di migliorare ed agevolare la gestione degli eventi in continua evoluzione:

1. stante la sospensione di tutte le competizioni organizzate dalla LNPB fino al 3 aprile 2020, si consiglia fortemente l’interruzione degli allenamenti per almeno 7 giorni;

2. a tutti i tesserati si raccomanda vivamente, come previsto dal D.P.C.M. dell’11 marzo 2020, di restare presso il proprio domicilio, non rientrando presso le proprie residenze e di evitare contatti sociali e spostamenti non strettamente necessari;

3. si raccomanda, altresì, di restare in continuo e stretto contatto con i rispettivi staff medicosanitari, onde poter consentire agli stessi la costante possibilità di “effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19”, così come previsto dai DPCM dell’8 e 9 marzo 2020;

4. fino ad eventuali nuove ed ulteriori comunicazioni, si raccomanda ancora una volta di seguire le indicazioni della FMSI.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.