ANCONA – “Abbiamo posticipato il termine ultimo per la gestione e rendicontazione delle spese effettuate per la liquidazione dei contributi legati ai bandi Por Fse e Fesr 2014/20 in scadenza in questi giorni”.

Lo ha annunciato Manuela Bora, assessora alle Attività produttive della Regione Marche, spiegando che la nuova scadenza è quella del 25 marzo, ma che “ci sarà un ulteriore rinnovo, qualora le misure contenute nel Dpcm dell’11 marzo scorso vengano ulteriormente prorogate. Il tempo, mai come in questi giorni, è una variabile decisiva per affrontare il Coronavirus e il suo impatto sulla nostra quotidianità: c’è un tempo per correre, velocemente, per mettere al riparo la nostra salute, ci sarà tempo per far fronte alle pur necessarie e importanti richieste di documentazione”.

La moratoria era molto attesa dalle decine di aziende marchigiane che hanno partecipato ai bandi. Le singole strutture regionali di riferimento degli interventi cofinanziati dal Fondo Sociale Europeo (Fse) e dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (Fesr) avranno il compito di rendere note ai beneficiari o destinatari le indicazioni operative relative alle procedure da rispettare. Gli atti relativi alla moratoria verranno immediatamente pubblicati anche sul sito dell’ente (www.regione.marche.it).

La Regione Marche ha anche deciso di prorogare di due mesi la scadenza del bando per il sostegno al consolidamento dell’export marchigiano e allo sviluppo dei processi di internazionalizzazione (Azione 9.2-Int. 9.2.1): la nuova scadenza è fissata al prossimo 23 maggio.

“Le Marche sono dei cittadini e delle imprese – ha concluso l’assessora Bora – I principi che stiamo seguendo sono quelli della responsabilità e del buon senso, avendo come priorità azioni di sostegno ancora più decise per l’economia della nostra regione”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.