ANCONA – “L’ultimo Dpcm per il contenimento del Covid 19, oltre che a chiudere le attività imprenditoriali non essenziali, ha portato anche alla sospensione di tutti i cantieri, pubblici e privati, della ricostruzione post sisma 2016″. 

Così si legge in una nota dell’Ansa: “Il Decreto supera di fatto la direttiva con la quale il neo commissario Giovanni Legnini, qualche giorno fa, illustrava le misure di carattere generale entro le quali le imprese impegnate sul cratere sismico del Centro Italia potevano o meno continuare a lavorare”.

Da quanto apprende l’Ansa “fonti vicine alla struttura commissariale non escludono che la direttiva possa essere a questo punto integrata o modificata anche alla luce di eventuali nuove disposizioni dell’Esecutivo”. 

Intanto Legnini, come ha anticipato lui stesso ad alcuni sindaci del “cratere”, sta valutando la possibilità di emanare una nuova ordinanza al fine di pagare i lavori delle imprese al momento del blocco dei cantieri, a prescindere dalle percentuali prefissate dallo stato di avanzamento dei lavori.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.