ANCONA –  E’ stato consegnato alla Protezione Civile Marche il carico di 1.840 dispositivi medici di ventilazione diretto alla Grecia per esportazione e sequestrato pochi giorni fa dall’Agenzia delle Dogane e della Guardia di Finanza prima dell’imbarco nel porto di Ancona.

Qui il nostro articolo

Dispositivi medici per terapia intensiva in viaggio verso la Grecia, nei guai imprenditore. Maxi sequestro delle Fiamme Gialle e denuncia

Le norme sull’emergenza coronavirus vietano l’export dei dispositivi di protezione individuale e degli strumenti e dispositivi di ventilazione invasivi e non invasivi. Lo rende noto l’Agenzia Dogane Monopoli (ADM) di Ancona, soggetto attuatore degli ordini di requisizione del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica Covid-19. I dispositivi sono parti di macchinari per la respirazione artificiale necessari alle terapie intensive.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.