SCORRI SOTTO PER GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

_____________________________________________________________________________

ORE 20.30 Fiera di Civitanova-100 posti terapia intensiva, il sindaco: “Entro stasera progetto riconversione”

ORE 20.15 Un centinaio di controlli anti-Coronavirus a San Benedetto

ORE 20 Covid-19, muore l’ex sindaco di Castiglione delle Stiviere, cittadina gemellata con Monteprandone. Il cordoglio di Loggi: “Un piacere conoscerlo”

ORE 19 Coronavirus. Nel Piceno mobilità -71%, a Fermo – 73%, Teramo -70%

ORE 18.45 “Bontà Vostre”, giovani imprenditori uniti per aiutare gli ospedali di Ascoli e Fermo

ORE 18 DATI GORES Sono ben 31 i decessi registrati nelle Marche nelle ultime 24 riconducibili al Covid-19. Il dato è diffuso dal Gores Marche. Il totale arriva a 417. GORESarancio29032020_18

La provincia di Pesaro-Urbino paga il pegno maggiore, con 255 vittime; Ancona con 81; Macerata 45; Fermo 28; Ascoli 3; extra regione 5.

Età media 79,8 anni; patologie pregresse nel 96,4% dei casi.

_____________________________________________________________________________

ORE 18 PROTEZIONE CIVILE Angelo Borrelli: totale attualmente positivi 73880, con un incremento di 3851 pazienti, 3906 in terapia intensiva, 27386 ricoverati, 42588 sono in isolamento domiciliare senza sintomi o sintomi lievi.

Oggi 756 nuovi deceduti.

Totale guariti 13030, sono 646 in più.

Sui dati dei decessi, se ne sta occupando l’Istituto Superiore di Sanità. Noi stiamo ai dati ufficiali e sono questi quelli forniti dalle regioni. 

Luca Richeldi, comitato scientifico Ministero della Salute: sono un pneumologo, quindi non sono un esperto epidemiologico. Guardando i numeri degli ultimi tre giorni, abbiamo registrato una riduzione del numero dei decessi del 10-15% a giornata, questo dà una idea delle misure in atto e della risposta del sistema sanitario.

Lo stesso vediamo per le terapie intensive e subintensive: abbiamo avuto un incremento di 120, 124, e oggi 50. Sono numeri che ci incoraggiano perché coi nostri comportamenti salviamo delle vite: salviamo la vita a pazienti col distanziamento sociale. 

Sono in contatto con i colleghi della Lombardia, non ho informazioni circa l’assenza di letti per terapia intensiva, anche perché oggi le entrate in terapia intensiva sono diminuiti e mi risulta che si stanno aumentando i posti in terapia intensiva. L’informazione corretta è che stiamo riducendo i casi gravi, partendo da questi dati. 

L’impreparazione che c’è stata all’inizio, inevitabile, nonostante abbiamo poi capito che il virus circolava in Italia dall’inizio di gennaio e il primo caso accertato invece lo abbiamo rilevato il 21 febbraio, ci ha ovviamente trovati impreparati. Questi percorsi per essere messi in piedi richiedono risorse e percorsi che richiedono tempo, e soprattutto per quanto accaduto in Lombardia e parte dell’Emilia speriamo di esserci messi alle spalle. 

Sì ogni anno ci sono vittime per polmonite: abbiamo circa 3,5 milioni di casi con circa 15 mila morti per polmonite. Questi, ovviamente, si vanno a sommare ai decessi per polmonite. La polmonite è una patologia prevalente e per alcune forme di polmoniti abbiamo terapie e vaccini, non ancora per il Covid-19.

La commissione tecnico-scientifica sta implementando gli studi epidemiologici che non possono essere fatti in un periodo emergenziale in cui ci sono centinaia di morti. Avranno tempo di essere fatti e sia l’Iss che l’Oms, lo Spallanzani stanno pianificando gli studi soprattutto quando questi numeri inizieranno a calare. In questo momento è importante essere inflessibili sul distanziamento sociale.

_____________________________________________________________________________

ORE 17.35 Coronavirus, 160 casi in più in Abruzzo: totale 1293. Dodici decessi, il numero sale a 88

ORE 17.30 Cgil, Cisl, Uil Marche: “Prima la salute dei lavoratori, poi esigenze produttive”

ORE 17.15 Controlli anti-Covid: ancora unità tra le Polizie Locali di Cupra e Grottammare. Strade deserte

ORE 17 Con il montepremi del Fantacalcio acquistano un saturimetro avanzato per il Reparto di Rianimazione

ORE 16.45 Abruzzo, il Governatore Marsilio: “400 milioni ai Comuni? Risorse scarse”

ORE 16.30 Domenica, lungomare deserto. Piunti in perlustrazione con la Polizia Municipale

ORE 16.15 Fondi per Comuni e per la spesa delle famiglie, Piunti convoca dirigenti e assessori

ORE 16 “L’onda” del contagio nelle diverse province.

In assenza del dato sui tamponi su scala provinciale, che sarebbe molto utile per valutare eventuali andamenti differenti, nella tabella seguente abbiamo affiancato i dati delle cinque province marchigiane, notando che grossomodo ciascuna di esse ha una “curva” dei contagi che è in ritardo di una settimana rispetto alla provincia ad essa più settentrionale.

Ad esempio, evidenziato in rosso, al 24 marzo abbiamo che i contagi di Ascoli (80) sono uguali a quelli di Fermo del 19 marzo. E via così proseguendo verso nord.

A questo punto per valutare se le misure intraprese mostrano effetti positivi, basta verificare se nella provincia meridionale si segue lo stesso percorso della provincia settentrionale, anche perché il numero dei contagiati ha il suo vertice a Pesaro e decresce andando verso sud.

E in effetti, se a Pesaro si ha avuto un rallentamento molto forte dei nuovi contagiati rilevati, sia Ancona che Macerata che Fermo mostrano una progressione inferiore rispetto a quella della provincia precedente.

Soltanto nel Piceno si ha una curva più veloce rispetto a Fermo (179 Ascoli al 28 marzo rispetto ai 139 di Fermo al 23 marzo). Dati che potrebbero essere spiegati forse da un numero di tamponi più elevato, ecco perché le istituzioni dovrebbero comunicare questo dato su scala provinciale.

 

 

 

ORE 13.40 GORES MARCHE I dati per provincia nelle Marche: Pesaro 1577, Ancona 1019, Macerata 476, Fermo 246, Ascoli 179, extra regione 61. GORESgiallo29032020_12

Totale test effettuati 10431, positivi 3558, negativi 6873.

Totale ricoverati 1168, di cui in terapia intensiva 168, non in terapia intensiva 842, area post critica 158.

Dimessi 155.

Guariti 12.

Isolamento domiciliare (positivi) 1992.

Deceduti 386.

Ricoveri in terapia intensiva per struttura 168: Pesaro Marche Nord 39, Ancona Torrette 41, Senigallia 6, Fermo 17, Civitanova 9, Jesi 15, Urbino 7, Camerino 12, San Benedetto 11, Macerata 3, Inrca Ancona 8.

Ricoveri in terapia semi-intensiva per struttura, 311: Civitanova 9, Camerino 8, San Benedetto 14, Jesi 16, Macerata 2, Urbino 14, Senigallia 6, Fermo 14, Pesaro Marche Nord 123, Ancona Torrette 97, Villa Pini Civitanova 8.

Totale 6523, di cui 4766 asintomatici e 1757 sintomatici – operatori sanitari 717.

Ancona 1762, di cui asintomatici 1129, sintomatici 633 – operatori sanitari 226.

Pesaro 2669, di cui asintomatici 2009, sintomatici 660 – operatori sanitari 275.

Macerata 1059 di cui asintomatici 808, sintomatici 251 – operatori sanitari 95.

Fermo 670, di cui asintomatici 531, sintomatici 139 – operatori sanitari 95.

Ascoli 363, di cui asintomatici 289, sintomatici 75 – operatori sanitari 19.

 

ORE 11.30 Nostre elaborazioni

RAPPORTO TAMPONI (grafico sotto) Purtroppo torna ad aumentare la percentuale di tamponi trovati positivi, dopo un periodo di decrescita. Il dato, comunque indicativo, può dare l’idea di quanto sia diffuso il contagio tra i casi che si vanno a “testare”.

L’incremento dei nuovi positivi giornalieri continua al suo livello che nell’ultima settimana è stato mediamente del 5% giornaliero. Tuttavia attenderemo i dati provinciali per un confronto più opportuno, avendo al momento delle dinamiche molto diversificate per provincia (non sono disponibili però i tamponi realizzati su scala provinciale).

Interessante i dati dell’ultima settimana: il numero di tamponi analizzati è aumentato di 586 unità, passando dai 3.454 della settimana 15-21 marzo ai 4.040 della settimana 22-29 marzo (+17%). Fortunatamente non vi è stato un riscontro proporzionale nell’incremento dei nuovi contagiati, che invece ha rallentato leggermente la sua progressione, nello stesso periodo, pari all’11,7% (da 1.287 a 1.137). Quindi meno 150.

Ricordiamo che ad oggi il totale dei positivi è di 3.558.

Poiché spesso vi è un ritardo nell’analisi dei tamponi (non sempre le risposte arrivano il giorno successivo) va sottolineato come i casi registrati nella prima parte della settimana possano essere frutto di contagi avvenuti nella prima parte del mese, quando le misure di isolamento erano più ridotte (specialmente per gli asintomatici ma non solo).

Nella settimana in ingresso, probabilmente, si otterrà un dato più netto relativo ai nuovi contagi accertati relativi al periodo di quarantena generalizzata. Sarà necessario osservare una contrazione maggiore della diffusione dell’epidemia.

ORE 11 DATI GORES

Sono 185 i nuovi casi di positività riscontrati dal Gores Marche nella giornata odierna. Scende però il numero dei campioni analizzati rispetto a sabato (547), segnale di una maggiore incidenza. Presto ulteriori analisi.

Il totale è di 3.558.

_______________________________________________

 

Qui tutte le notizie di sabato 28 marzo e i grafici utili

 

Covid-19. Marche: 22 decessi. Italia: 889 decessi, +3651 incremento positivi, +1434 guariti


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.