ASCOLI PICENO – Di seguito una nota stampa del gruppo “Disoccupati Piceni“, che propone una soluzione per far fronte al lavoro nero.

Il lavoro nero,  una vera piaga per la nostra economia. Le aziende che operano in maniera irregolare, danneggiano il Paese, perché non versano nessuna tassa utile per i servizi, come la sanità, l’istruzione, welfare e la sicurezza. In questo modo, compiono una concorrenza sleale nei confronti delle imprese regolari che versano tutte le imposte.

Gli stessi lavoratori, sono danneggiati perché sono privati dei contributi necessari per maturare la pensione.

Il problema si potrebbe risolvere in maniera semplice, usando le nuove tecnologie a disposizione attraverso il cellulare, ormai posseduto da ogni lavoratore. Basterebbe, prima dell’inizio di ogni nuova  prestazione lavorativa di tipo accessorio, occasionale oppure stagionale, obbligare il lavoratore
attraverso una semplice app sul cellulare, alla registrazione sul sito dell’Inps, del codice fiscale dell’azienda, il luogo, l’orario, paga oraria e il conto corrente dove ricevere il salario. Inoltre l’app diventa il cartellino, dove indicare l’inizio e il termine della giornata lavorativa, e non ci sono più scappatoie per le
aziende truffaldine.

In modo che automaticamente in qualsiasi momento, l’ente previdenziale e
l’ispettorato del lavoro potrebbero controllare l’effettiva correttezza e legalità del rapporto di lavoro, per garantire un’adeguata tutela del lavoratore. Vanificando ogni tentativo, di instaurare un rapporto di
lavoro irregolare.

Auspichiamo presto l’attivazione di questi sistemi digitali, perché ogni lavoratore ha diritto a un lavoro regolare e dignitoso. Ogni tentativo, di mantenere oppure ripristinare “i voucher”, serve solamente e inequivocabilmente, per favorire e facilitare, lo sfruttamento dei lavoratori e continuare a
tollerare “il lavoro nero”.

Il gruppo “Disoccupati piceni” è sempre a disposizione per dare soluzioni. Per informazioni, per dare una mano, chiamare o inviare un messaggio, al numero WhatsApp 334 7555 410. Chi vuole seguirci siamo
anche su Facebook, basta cliccare “Disoccupati Piceni”, ed essere informati sulle prossime iniziative.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.