MALTIGNANO – Nuovi sviluppi sulla vicenda accaduta nell’Ascolano tre giorni fa, il 6 maggio.

Parliamo dell’azienda di Maltignano punita dai controlli anti-Coronavirus.

Qui il nostro articolo precedente

Controlli anti Covid-19, azienda sospesa a Maltignano: denunciato 42enne

“Violazioni di natura amministrativa e penale riguardanti le misure volte al contenimento della diffusione e per aver impiegato un lavoratore in nero extracomunitario, irregolare sul territorio nazionale” affermavano i carabinieri nella loro nota stampa diffusa nei giorni scorsi.

Per questo era stato denunciato un 42enne residente sul posto, titolare dell’azienda. Era stata decisa anche la sospensione temporanea delle attività.

E’ notizia delle ultime ore che è stata disposta la chiusura per cinque giorni dell’azienda in questione: “Dagli accertamenti dei carabinieri di Folignano, Castel di Lama, intervenuti unitamente ai militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Ascoli, è emerso che l’ambiente di lavoro era malsano e privo di garanzie d’igiene e sicurezza per gli addetti e per il prodotto finale, oltre che privo della certificazione di legge” si legge in una nota dell’Ansa.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.