ASCOLI PICENO – Era una professionista del tarocco, poiché più volte si era sostituita ad altre persone falsificandone i documenti per riuscire, poi, a incassare assegni o valori simili. Ma la truffatrice in questione è stata “beccata”, in questi giorni, ad Ascoli Piceno.

La Polizia di Stato ascolana ha smascherato una donna che, con un raggiro, si era presentata presso l’ufficio postale di Marino del Tronto per incassare un rimborso Irpef al posto del creditore. La truffatrice, una 41enne originaria del napoletano, si era procurata una falsa carta d’identita intestata alla vittima, sua coetanea di Palermo, presentandosi allo sportello e riuscendo a incassare circa mille euro, frutto di un rimborso connesso a spese sanitarie di qualche tempo fa.

La truffata, che aspettava da tempo quella cifra, si era insospettita poiché in danaro non arrivava e, a quel punto, si è recata alle poste scoprendo il raggiro. Lei ha denunciato l’accaduto alla Polizia Postale della sua città e il caso è stato affidato alla Squadra Mobile della Questura di Ascoli.

I poliziotti hanno indirizzato i sospetti su una vecchia loro conoscenza e, e, a conclusione di un’accurata attività investigativa, l’hanno individuata nella 41enne partenopea, con alle spalle un curriculum ricco di truffe.

Il dossier delle indagini è stato trasmesso dagli investigatori alla Procura di Ascoli Piceno, che ha iscritto la donna nel registro degli indagati.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.