ASCOLI PICENO – Nella città delle Cento Torri qualcuno si divertiva a “sfregiare” i manufatti storici. Scritte d’amore, dedicate alla sua amata: un gesto affettuoso ma comunque un reato.

Dopo indagini certosine da parte dei carabinieri, è stato individuato il responsabile che imbrattava i monumenti storici di Ascoli.

“La bellezza e il decoro della nostra città sono elementi fondamentali da curare con attenzione per la promozione e lo sviluppo turistico, ma anche sociale e culturale, di Ascoli. Ma in questo l’amministrazione comunale non è sola. Gran parte della cittadinanza, tante associazioni, tanti enti pubblici e privati perseguono con noi questo obiettivo” ha dichiarato il sindaco Marco Fioravanti, supportato da tutta l’amministrazione comunale.

“Ed è quindi con grande soddisfazione e gratitudine che accogliamo la notizia dell’identificazione dell’autore, da parte dei Carabinieri di Ascoli Piceno, degli imbrattamenti che recentemente sono stati rinvenuti su alcuni monumenti della città, tra i quali il colonnato dell’Auditorium Neroni. Altrettanta soddisfazione esprimiamo per il pentimento mostrato dall’autore del fatto, cosa che ci fa ben sperare per il futuro della nostra città, che le giovani generazioni rappresentano” aggiunge Fioravanti.

Il primo cittadino conclude: “Grazie quindi all’Arma dei Carabinieri per la consueta solerzia e attenzione al territorio, auspicando la prosecuzione di una collaborazione da sempre estremamente proficua”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.