AGGIORNAMENTO ORE 23.30 Trovata a Centobuchi l’auto pirata che ha investito il 59enne ciclista a Stella di Monsampolo. L’uomo, Divo Coccia, purtroppo era deceduto. La Polizia Stradale di Ascoli, coordinata dal Comandante Luca Iobbi, avrebbe individuato e fermato anche il conducente. Secondo le prime indiscrezioni un albanese residente a Centobuchi. Avrebbe nascosto il Suv bordeaux in un garage. I poliziotti hanno portato via il proprietario per accertamenti e probabilmente per un interrogatorio prima di sottoporlo ad un fermo. Un carro-attrezzi ha rimosso il mezzo, posto sotto sequestro dagli inquirenti.

STELLA DI MONSAMPOLO DEL TRONTO – Tragedia, nel pomeriggio del 23 maggio, nell’entroterra Piceno.

A Stella di Monsampolo incidente stradale, uno scontro fra auto e bici secondo le prime indiscrezioni. La macchina non si è fermata a prestare soccorso ed è scappata. È accaduto sulla strada che collega la Salaria allo svincolo per il Raccordo Ascoli-Mare.

Sul posto il 118 per i soccorsi al ciclista, purtroppo vani: è deceduto. Si tratta di un 59enne di Stella di Monsampolo, Divo Coccia.

Sul luogo anche la Polizia Stradale di Ascoli per i rilievi, da ricostruire la dinamica del sinistro mortale. Indagini in corso per risalire all’auto pirata.

Si tratterebbe di un Suv di colore bordeaux con il parabrezza completamente sfondato. Coloro che hanno visto, o sanno, qualcosa sono pregati di informare il 113 o la Polizia Stradale.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.