ASCOLI PICENO – Il Collegio di Garanzia del Coni ha accolto l’istanza della TMP Soccer contro l’Ascoli Calcio condannandola società bianconera a pagare 35mila euro  e ulteriori 8500 euro tra diritti amministrativi ed onorari ai componenti del Collegio Arbitrale.

“Il Collegio di Garanzia dello Sport ha ricevuto anche un’istanza di arbitrato presentata nell’interesse dell’Agente Sportivo Tullio Tinti contro la società Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A., in virtù dell’incarico ad esso conferito in via esclusiva dal legale rappresentante della società marchigiana, Presidente Giuliano Tosti, ed avente ad oggetto l’opera di intermediazione afferente alla conclusione di un contratto di prestazione sportiva con il calciatore Simone Padoin, senza che ciò comportasse alcun onere per la Società da corrispondere ad altro club.

L’istante chiede al Collegio di Garanzia di condannare la società Ascoli Calcio 1898 S.p.A., in persona del legale rappresentante p.t., al pagamento in suo favore della somma di Euro 20.000,00 più Iva, oltre agli interessi moratori o, in subordine, agli interessi legali dalla data di debenza al saldo, oltre al pagamento delle spese di assistenza difensiva, dei diritti amministrativi, degli onorari e spese del Collegio Arbitrale e di ogni altra spesa connessa all’arbitrato.”

TMP SOCCER è una società di consulenza sportiva con sede a Brescia, costituita da quattro procuratori di calcio, Paolo Castellini, Manuel Montipò, Fausto Pari e Tullio Tinti che nel maggio 2015 hanno deciso di proseguire insieme la loro carriera consolidandosi in un’unica realtà professionale. Tra gli assistiti ci sono Simone Padoin e Raffaele Pucino.

Il comunicato ufficiale pubblicato sul sito del Coni in riferimento all’istanza di arbitrato presentata lo scorso 4 Marzo dalla TMP Soccer in relazione al trasferimento del difensore Raffaele Pucino: “Il Collegio di Garanzia comunica che l’Organo Arbitrale relativo all’istanza TMP Soccer contro società Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A., costituito dal Cons. Alfredo Storto, (Presidente), dall’avv. Stefano Bastianon (arbitro della parte istante) e dall’avv. Cristina Mazzamauro (arbitro della parte intimata), all’esito dell’udienza telematica tenutasi in data odierna, definitivamente pronunciando all’unanimità:

ha accolto l’istanza arbitrale e, per l’effetto, ha condannato la soccombente Ascoli Calcio 1898 S.p.A. al pagamento, in favore dell’istante TMP Soccer S.r.l., della somma di € 35.000,00 più IVA, oltre interessi moratori dalle scadenze contrattuali;

ha condannato l’Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A. a rifondere all’istante TMP Soccer S.r.l. i diritti amministrativi nella misura di € 2.000,00 (di cui al punto 1.1.a della “Tabella dei diritti amministrativi, onorari e spese” approvata con deliberazione della Giunta Nazionale del CONI n. 4 del 27 gennaio 2020) e di € 1.500,00 (di cui al punto 1.2.a della Tabella), nonché le spese di difesa, liquidate in complessivi € 1.500,00, oltre accessori di legge;

ha stabilito, a carico della soccombente Ascoli Calcio 1898 F.C. S.p.A., il pagamento in favore del Collegio Arbitrale degli onorari all’uopo previsti (punto 2.b.2.1 della Tabella), liquidati in complessivi € 3.500,00, così ripartiti: al Presidente € 1.400,00 e, a ciascun Arbitro, € 1.050,00, oltre IVA e CPA, nella misura di legge per questi ultimi, da versare secondo le modalità che verranno comunicate dalla Segreteria del Collegio di Garanzia dello Sport”.

Mercoledì 3 Giugno 2020 è stata fissata una nuova udienza dell’Organo Arbitrale, sempre in forma telematica, relativa all’istanza di arbitrato presentata lo scorso 11 Marzo, sempre dalla TMP Soccer, in merito al trasferimento in bianconero del centrocampista Simone Padoin


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.