ANCONA – Indagine di sieroprevalenza sui marchigiani per capire lo stato di immunità dal Covid-19: solo un terzo dei selezionati dice sì. Il call center della Croce Rossa regionale, che si occupa di effettuare le telefonate ai numeri forniti dal ministero della Salute in base a una campionatura Istat, ha iniziato lunedì. Nella prima giornata gli operatori hanno fatto 400 chiamate riuscendo a prenotare 141 persone. Martedì 530 telefonate e 206 appuntamenti.

Oggi 160 appuntamenti ma il numero di chiamate sarà noto in serata. Il campione per le Marche è composto da 5.600 persone.

“Il primo giorno è stato il più difficile – spiega Alice Brisighelli, referente regionale area salute Croce Rossa -: i cittadini vedevano un numero con prefisso 06 davanti e non capivano che fosse il call center per i test. Molti non rispondevano credendo fossero chiamate per vendere prodotti. Con la diffusione del numero sulla stampa la gente ci ha anche richiamato mostrandosi disponibile a fare il test. Adesso va molto meglio”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.