ASCOLI PICENO – Blitz delle Forze dell’Ordine nella città delle Cento Torri.

Nella mattinata del 28 maggio i Carabinieri della locale Stazione, unitamente a quelli del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Ancona, impegnati a contrastare il traffico illecito di reperti archeologici e beni culturali nel territorio piceno, hanno effettuato una perquisizione ad Ascoli Piceno, al culmine di un’attività investigativa volta a ricostruire l’illecita importazione ed esportazione di preziosi reperti archeologici di epoca precolombiana, provenienti dal Sudamerica.

I reperti, 18 in tutto (punte di lancia, figure devozionali e un vaso) per un valore stimato di svariate migliaia di euro, ritrovati all’interno di un’abitazione privata, sono stati opportunamente sequestrati e saranno sottoposti ad accurati accertamenti per appurare il paese estero di provenienza e il canale di illecita importazione.

L’ascolano che li deteneva illegalmente è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per ricettazione.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.