ASCOLI PICENO – In vista della discussione sul decreto di legge 34/2020, Legambiente scrive agli Onorevoli dell’area del Cratere proponendo un emendamento che estenda l’incentivo del 110% fino a dicembre 2023 per sostenere la ricostruzione nelle aree colpite dal sisma.

“Gli interventi di ricostruzione nelle aree colpite dal sisma del centro Italia sono complessi per l’elaborazione, l’approvazione e l’assegnazione dei lavori, oltre che per le condizioni climatiche che non sempre permettono il prosieguo dei lavori – commenta Legambiente -. Il termine di 18 mesi risulta troppo ridotto perché un numero consistente della popolazione possa usufruire degli incentivi previsti al 110 per cento per garantire il massimo della sicurezza e della qualificazione energetica delle abitazioni che si andranno a ricostruire. Ed è per questo che vi chiediamo di estendere al 2023 l’incentivo del 110% affinché possa essere utilizzato dal maggior numero possibile di cittadini delle aree del centro Italia colpite dal sisma”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.