ASCOLI PICENO – A distanza di 24 ore dal grave delitto di sangue commesso a Pagliare del Tronto, gli inquirenti non si sono mai fermati e sono al lavoro per risalire ai responsabili che hanno ucciso, a colpi di pistola, il 50enne Antonio Cianfrone.

Il nostro articolo precedente

Ucciso ex carabiniere a colpi di pistola sulla pista ciclabile, dramma a Pagliare del Tronto

Ad indagare sull’omicidio dell’ex carabiniere originario della provincia di Chieti, e residente nella Vallata del Tronto, il Comando Provinciale e il Nucleo Investigativo.

Il 3 giugno sono state ascoltate le persone che hanno prestato i primi soccorsi all’ex militare e che hanno allertato le Forze dell’Ordine e il 118. 

Viene rilanciato l’appello, sia del Procuratore Umberto Monti sia del Colonnello Comandante Ciro Niglio, a coloro che erano presenti lungo la pista ciclabile tra Pagliare e Monsampolo il 3 giugno dalle 8 alle 9.30 a presentarsi alla Stazione più vicina per riferire qualsiasi dettagli che possa essere utile agli inquirenti. Al momento non si è presentato nessuno dai militari.

Il nostro articolo precedente

“Chi ha visto qualcosa sulla pista ciclabile tra Pagliare e Monsampolo contatti i carabinieri”, l’appello dell’Arma

Sono già al vaglio degli investigatori le telecamere della videosorveglianza nei pressi della pista ciclabile. I responsabili sarebbero fuggiti in moto. Secondo alcune testimonianze uno di loro era di corporatura robusta, l’altro più esile.

Il nostro articolo precedente

Omicidio ex carabiniere, al vaglio telecamere di videosorveglianza. Fuga in moto per i responsabili


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.