ASCOLI PICENO – Nel territorio comunale, l’infestazione da zanzare ha estensione ed intensità non trascurabili.

Ci sono essenzialmente due specie di zanzara: la zanzara comune (Culex pipiens molestus) e la zanzara tigre (Aedes albopictus). Una punge di notte, l’altra di giorno e così il riposo e i soggiorni nel verde possono essere fortemente disturbati dalla sgradita presenza. Entrambe le specie sono ben adattate all’ambiente urbano, pertanto è impossibile eliminarle completamente dal territorio.

Tuttavia, si possono assumere degli accorgimenti, tanto semplici quanto efficaci, per ridurre drasticamente lo sviluppo e il prolificare delle zanzare.

Le zanzare del genere Aedes possono trasmettere più malattie virali, tra cui la dengue, la febbre gialla e diverse encefaliti che fino ad oggi si erano manifestate solo in aree tropicali.
Recentemente, in Italia, la zanzara tigre ha manifestato la capacità di essere vettore di patologie. Si va delineando una situazione che da semplice problema di molestia e fastidio può evolversi in un problema di sanità pubblica.

Da anni il Comune di Ascoli Piceno attua interventi di disinfestazione nelle aree pubbliche ma, considerato che la zanzara tigre si riproduce in piccole raccolte di acqua, è indispensabile che la lotta sia condotta anche dai privati nelle loro aree.
Tutta la comunità è chiamata al controllo dell’infestazione attuando misure idonee per ridurre i focolai di infestazione nelle aree private secondo quanto disposto dal Regolamento comunale.

Per leggere il regolamento comunale dove sono presenti numeri di telefono e spiegate le diverse situazioni consultare la pagina:
https://www.comune.ap.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/18320


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.