ASCOLI PICENO – La Croce Rossa Italiana torna in bici. Come ormai da diversità anni la Cri di Ascoli ha attivato il servizio bici. Quest’anno i volontari impegnati in questa iniziativa dovranno attenersi alle nuove regole del distanziamento sociale ma arrivano sempre prima seppur non indossano la maglia rosa. Sempre più vicini alle persone nel progetto nato in seguito al covid 19 , denominato “Il tempo della gentilezza”.

Da ormai diversi anni, una coppia di soccorritori in sella alla bicicletta bianca e rossa della Croce Rossa percorre le zone del centro storico di Ascoli Piceno. Un’attività dei Volontari della Croce Rossa che viene svolta nelle ore più calde a bordo di speciali biciclette allestite ed equipaggiate per il primo soccorso Blsd (con utilizzo del defibrillatore). Il servizio è  stato comunicato al 118 del capoluogo per le necessarie interrelazioni e attività di coordinamento.

“L’obiettivo generale è quello di creare un servizio di assistenza sanitaria innovativo ed ecosostenibile – ha spiegato Cristiana Biancucci presidente del Comitato  Cri di Ascoli Piceno – e nello specifico, il servizio, andrà a migliorare il soccorso rendendolo più tempestivo. Con l’ausilio della bicicletta si possono raggiungere luoghi prima impensabili con un automezzo, come ad esempio le piazze affollate e le nostre rue. Grande soddisfazione da parte della popolazione anziana che ogni giorno,  attende l’arrivo dei soccorritori in bici (foto)  anche solo per misurare la pressione o scambiare due chiacchiere. Un servizio dal  triplo risvolto sociale, sanitario ed ambientale in quanto il soccorso arriva su 2 ruote senza emissioni di CO2″.

“Prima di tutto è giusto ringraziare, i volontari della Cri che ogni giorno si alternano in questa attività importante per la città e chi ci ha dato la possibilità reale di svolgere il servizio. Con questo progetto il Comitato Cri di Ascoli Piceno – dice la Presidente Biancucci – si adegua in modo propositivo anche alla trasformazione della città nella sua vita di tutti i giorni. Siamo convinti della bontà di questa iniziativa che va a vantaggio dei cittadini e della salvaguardia della loro salute”.

Il progetto “Cri in bici” è un idea che nasce dall’esperienza della “London Bicycle Ambulance”, soccorso su due ruote attivo da oltre 10 anni nella capitale inglese. Diffuso, poi, in varie città italiane, in quanto si è rivelato un importante mezzo di soccorso negli interventi rapidi di rianimazione del paziente in attesa dell’arrivo dell’ambulanza e diminuendo, così, del 25% i decessi per infarto.

Il Presidente della Repubblica ha recentemente detto che la “professionalità degli operatori della croce rossa e la loro generosità sono diventati uno straordinario patrimonio per il nostro paese e per il mondo intero. Abbiamo il dovere di testimoniare ancora questo valori, affinché possano essere trasmessi alle generazioni più giovani . La solidarietà è cultura è scuola di vita : rende migliore una comunità e restituisce molto di più alle alle persone del sacrificio che è stato donato “.

“Spero vivamente – dice la presidente della Cri di Ascoli – che con la nuova giunta comunale si possa trovare una strada per poter condividere in modo consapevole un cammino di solidarietà e di vicinanza alle persone più deboli. La croce rossa è una istituzione che supporta le fragilità del territorio svolgendo un ruolo fondamentale nel tessuto sociale troppo spesso smagliato”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.