ANCONA – La Regione Marche ha approvato le “Misure di sicurezza anti-contagio Covid 19 nei cantieri pubblici”, costituito da linee guida e da un elenco-voci relativo alle misure di sicurezza anti-contagio, da utilizzarsi ai fini dell’aggiornamento dei documenti di gara o progettuali in conseguenza dell’emergenza sanitaria in corso, finalizzato alla riapertura dei cantieri pubblici e alla consegna dei nuovi cantieri, fino al termine della crisi emergenziale.

“Con questo documento – afferma la vicepresidente della regione Marche Anna Casini – intendiamo fornire un sostegno concreto alle imprese in questo momento particolarmente delicato, in cui l’attuazione di queste misure anti-contagio ha comportato nuove e maggiori spese, riconducibili sia ai costi della sicurezza, a carico delle stazioni appaltanti, che agli oneri aziendali della sicurezza, a carico degli operatori economici”.

“La finalità – prosegue la vicepresidente – è quella di fornire a imprese e committenti di lavori pubblici uno strumento operativo utile in grado di individuare e quantificare quelli che sono i costi anti-contagio e distinguerli dagli oneri aziendali anti-contagio. In conseguenza della pandemia dovuta al Covid-19, infatti, le imprese e i committenti di lavori (pubblici e privati) per i cantieri già in corso o per quelli futuri di prossima apertura per i quali le procedure di gara sono pendenti o da avviarsi, si sono trovati a far fronte ad un aggravio di attività e di costi non riconducibili ai rischi delle lavorazioni o dello specifico cantiere, che hanno comportato condizioni d’impresa diverse rispetto a quelle che costituivano l’ordinario rischio imprenditoriale. I diversi D.P.C.M. che si sono susseguiti nel corso dell’emergenza pandemica hanno imposto la revisione delle procedure lavorative e gestionali normalmente impiegate nei cantieri, richiedendo l’attuazione di nuovi e aggiuntivi apprestamenti e l’utilizzo di nuovi dispositivi di protezione individuale e collettiva, ma anche la messa in atto di nuove e diverse modalità di gestione dei tempi lavorativi”.

Il documento, pienamente conforme alla normativa emergenziale vigente, è stato oggetto di preventiva condivisione e approvazione da parte delle Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL, nonché dei rappresentanti delle associazioni di categoria componenti la “Commissione Tecnica Regionale in materia di lavori pubblici e di sicurezza e salute nei cantieri temporanei e mobili” competente in materia di prezzario.

Il percorso amministrativo si è concluso con l’adozione della delibera di Giunta Regionale 898.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.