CASTIGNANO – Appuntamento con il grande cinema e la letteratura a Castignano.

La VII edizione della rassegna cinematografica Fotogrammi D’Arte vedrà protagonista non solo il cinema con le sue proiezioni, i suoi riti, i suoi incontri, ma anche la letteratura con i caratteristici aperitivi letterari che apriranno ogni serata della manifestazione alle ore 19.

Quattro romanzi che hanno lasciato il segno tra i lettori e la critica. Gianluca Brundo con il suo “Lo ammetto ho tentato di essere felice”, Giovanni Dozzini con il suo solido ed impegnato “E Baboucar guidava la fila”, David Laurenzi con uno dei noir più cupi e maledetti della letteratura italiana contemporanea, “Dinamica di un incendio”, Matteo Trevisani con il suo misterioso ed affascinante esoterismo che emerge pagina dopo pagina, da “Il libro del sole”, proporranno le loro ultime fatiche letterarie attraverso un vivace corpo a corpo con i ragazzi dell’associazione, con i molti critici presenti ma soprattutto con il pubblico della manifestazione.

Se le novità più importanti coinvolgono la letteratura, la qualità che propone l’offerta cinematografica di Fotogrammi 2020 è davvero insuperabile. Attori, registi, critici cinematografici, saranno i protagonisti delle proiezioni serali che inizieranno alle ore 21.30 in Piazza Marconi.

Ma soprattutto saranno le opere ad essere centrali, quei film che si sono distinti nella stagione passata ed ancora in corso (segnata purtroppo da una chiusura delle sale cinematografiche, obbligata, giusta, ma tragicamente sanguinosa per il settore). Grandi interpreti come Isabella Ragonese che incontrerà il pubblico prima del film “Mio fratello insegue i dinosauri” o attori versatili come Stefano Fresi, che presenterà l’anteprima nazionale de “Il regno” e poi registi del calibro di Giuseppe Bonito, che porterà a noi “Figli”, l’opera incompiuta del mai troppo rimpianto Mattia Torre tra gli storici autori di Boris ed ancora Francesco Fanuele, regista esordiente de “Il regno”; in più la ficcante presenza del critico Simone Rossi che presenterà romanzi e opere agli spettatori.

L’abbondanza del programma e la qualità degli ospiti sono la testimonianza di una ricchezza dell’offerta che poche grandi città possono vantare e che questa volta approderanno in un piccolo centro come Castignano. Inoltre la serata con Stefano Fresi, panciuto Re di un ipotetico regno medioevale, sarà interamente dedicata alla ricostruzione della storia medioevale per omaggiare ciò che ha dato lustro al nostro borgo negli ultimi trent’anni: Templaria Festival.

Per fruire della visione dei film e delle presentazioni sarà approntato un piano sicurezza attraverso il distanziamento sociale che le norme anti-Covid impongono e che la manifestazione intende rispettare nella maniera più rigorosa possibile. Ed è per questo che tutte le presentazioni letterarie o cinematografiche si svolgeranno in luoghi aperti, sanificati, secondo il protocollo nazionale che sarà divulgato sugli organi ufficiali della rassegna fotogrammi d’arte. Saranno gradite, ma non necessarie le prenotazioni alle serate.

Si ricorda infatti, che a causa del distanziamento obbligatorio i posti saranno limitati (info al numero 339 499 0387 – prenotazioni al 339 837 0941). Il consiglio per tutti è quello di arrivare in tempo utile, ed anche un po’ prima, per svolgere in totale sicurezza i necessari controlli all’ingresso e godere di una delle più belle manifestazioni culturali che ormai hanno un posto di rilievo tra gli appuntamenti cinematografici della nostra regione. I visitatori potranno così approfittare per visitare Castignano, il Museo delle Icone e Musei Sistini (aperti dalle 17 alle 19:30) e la Mostra dell’Artigianato.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.