ASCOLI PICENO – L’Anmig di Ascoli Piceno riparte da una nuova sede. Grazie all’Erap, e alla collaborazione diretta dell’assessore regionale Anna Casini, la storica associazione che tutela da oltre un secolo i mutilati ed invalidi di guerra e le loro famiglie ha trovato nuovi locali nel capoluogo che le permetteranno di rilanciare l’attività in tutta la provincia picena. 

In attesa che si realizzerà la riqualificazione della sede di Corso Mazzini – resa inagibile dal sisma del 2016 – l’Anmig riparte da nuovi e ampi uffici a Porta Maggiore, che verranno inaugurati nel corso del mese di settembre. 

“Siamo molto soddisfatti per la possibilità che ci è stata fornita dall’Erap e da Anna Casini, in particolare – afferma Andrea Quaglietti, presidente provinciale del sodalizio fondato nel 1917 – e che ci permette di riprendere un lavoro non solo di tutela dei 130 soci presenti in tutto il Piceno, ma anche di tornare a promuovere un messaggio di pace e  speranza per le giovani generazioni”.

Quaglietti si riferisce sia alla valorizzazione e conoscenza tra studenti e ragazzi del patrimonio storico, legato agli eventi bellici ma non solo diffuso in tutto l’Ascolano, l’ultimo progetto con le scuole fu “Pietre della Memoria” ma soprattutto alla conoscenza del passato come fondamento essenziale di quei valori di tolleranza, libertà e democrazia che viviamo oggi nel nostro Paese, e che non si devono dare per scontati e conquistati una volta per tutti : “Valori che dobbiamo preservare – sottolinea Quaglietti – e che sono il risultato di decenni di lotte e di sacrificio anche della vita dei nostri padri e dei nostri nonni, che le guerre le hanno combattute per noi”. Il presidente dell’Anmig ricorda poi come Anna Casini “si è subito attivata presso le strutture regionali per aiutarci nel trovare una soluzione al nostro problema principale. E le sue parole non si sono rivelate di circostanza ma concrete e reali, incise sul marmo come quelle che ricordano il sacrificio dei partigiani nel 1943,sul Colle San Marco”.

La sezione picena dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra fu avviata nello stesso anno di fondazione di quella nazionale, il 1917 . Oggi conta diverse realtà sul territorio e numerosi soci aderenti ed attivi ad Ascoli, Offida, San Benedetto, Ripatransone e Roccafluvione. E negli ultimi anni si è aperta all’iscrizione da parte di tutti, giovani in particolare,  non solo delle famiglie dei reduci o dei feriti nei conflitti del passato. Info: 3494103507.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.