SPINETOLI – “Aveva pensato di sfruttare al meglio ed in tutto relax il giardino di casa, arricchendolo con una pianta singolare, alta oltre due metri, composta da una serie di arbusti alquanto floridi e rigogliosi, sistemata in un angolo ombroso, legata a paletti di legno per un suo perfetto sostegno e curata con ogni attenzione”.

Così si apre la nota delle Fiamme Gialle ascolane il 3 settembre: “Una simile bellezza floreale non è sfuggita nemmeno agli ‘apprezzamenti’ dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno che, impegnati in uno dei consueti servizi di controllo economico del territorio, affidato, nell’occasione, ad una pattuglia del servizio di pubblica utilità 117, dopo aver notato e riconosciuto in quegli arbusti la più tipica marijuana, è intervenuta di buon’ora all’interno di un appartamento di Spinetoli, di proprietà di una 34enne, per la perquisizione di circostanza, estesa, nell’occasione, anche all’autovettura della stessa donna ed eseguita con il supporto del cane antidroga Escobar”.

Dal comando ascolano aggiungono: “Di un certo peso sono state le violazioni accertate dalle Fiamme Gialle della Compagnia di San Benedetto del Tronto, ricondotte a quelle previste del ‘Testo Unico Antidroga’ (disciplinanti la coltivazione, detenzione, produzione, fabbricazione e spaccio di sostanze stupefacenti), in relazione alla coltivazione e detenzione di 15 piante di marijuana, con infiorescenze, di altezza variabile dagli 1,8 ai 2,5 metri che, una volta pesate, sono risultate pari a circa 4 chilogrammi”.

I finanzieri concludono: “La coltivatrice è stata quindi denunciata a piede libero alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno, restando ancora al vaglio dei finanzieri la propria posizione fiscale, nel frattempo delineata dallo stesso Comando Provinciale che ha infatti rilevato talune evidenze ritenute di necessari approfondimenti”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.