ANCONA – Al Palazzo Raffaello di Ancona, presso la Regione Marche, è stata presentata la 38^ edizione rievocativa della 1000 Miglia, che tornerà nuovamente a toccare tutte e cinque le province marchigiane da nord a sud, come già avvenuto nelle edizioni dal 2014 al 2016.

La splendida manifestazione con le sue centinaia di vetture storiche d’indubbio fascino attraverserà le Marche venerdì 23 ottobre, durante la seconda tappa dell’evento che partirà da Cervia-Milano Marittima per raggiungere Roma in serata. La presentazione stampa ha visto protagonisti la vicepresidente della Regione Marche Anna Casini e il vicepresidente del Comitato Organizzatore 1000 Miglia Giuseppe Cherubini. Presenti anche il Presidente dell’Automobile Club Ascoli Piceno Fermo Elio Galanti con i vice Mario Laureati e Alessandro Bargoni, e il direttore Stefano Vitellozzi. Per i comuni attraversati erano presenti gli amministratori di Fermo e Offida. La vicepresidente della Regione Marche Anna Casini ha aperto le presentazione salutando per entusiasmo un evento che ha sempre grande risalto sui media internazionali, definendolo “un viaggio affascinante attraverso tante bellezze marchigiane”.
Quattrocento saranno le vetture storiche al via (tutte del periodo 1927-1957 che caratterizzò le edizioni di velocità), più dieci mezzi militari storici, oltre al transito in avanscoperta del Tribute Ferrari con cento supercar e del Tribute Mercedes con trenta supercar. Fermo sarà protagonista il centro storico con il passaggio in Piazza del Popolo ed un controllo timbro, anche Offida vedrà un interessante passaggio in Piazza del Popolo con controllo timbro, poi ad Ascoli Piceno il passaggio in centro storico con le suggestive Piazza Arringo e Piazza del Popolo con controllo orario e altre prove di abilità di velocità media in provincia, oltre alla sosta pranzo dei partecipanti Tribute Ferrari-Mercedes al Chiostro di San Francesco. Al termine del passaggio marchigiano verranno toccate per la prima volta le zone interessate dal sisma del 2016, con Amatrice nel reatino che vedrà altre prove di abilità a media imposta.
La prossima 1000 Miglia, attesa con entusiasmo dagli appassionati di motori e non solo, vedrà così di nuovo protagonista la regione Marche con tutti i risvolti di positiva visibilità internazionale a livello storico, culturale, paesaggistico e di tipicità.

Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.