ASCOLI PICENO – Sconfitta casalinga per l’Ascoli che perde 2-0 contro il Lecce di Eugenio Corini grazie alle reti, entrambe nel secondo tempo, di Mancosu e Henderson; da segnalare sullo 0-1 il clamoroso errore di Vellios che a pochi metri dalla porta avversaria non riesce a mettere in rete l’assist di testa di Brosco.

“Nel primo tempo abbiamo giocato un’ottima gara – le parole del mister bianconero Valerio Bertotto – nei primi dieci minuti abbiamo avuto due occasioni, abbiamo fatto un ottimo lavoro in fase difensiva senza concedere nulla ad un avversario di livello. Nel secondo tempo abbiamo cercato di fare bene il nostro lavoro ed abbiamo avuto un’occasione ghiottissima con Vellios, se viviamo di situazioni ed episodi oggi non ci hanno girato bene, ho fatto comunque i complimenti ai ragazzi perché abbiamo giocato una partita di grande impegno e dedizione, con grande ordine. Giocavamo contro un avversario importante, sia per i nomi che per le qualità dei giocatori, ritengo però che oggi al di là della sconfitta che non fa piacere la squadra ha lavorato bene. E’ una squadra ancora indietro di condizione, atletica e fisica, e che deve essere ancora oliata in tanti settori”.

“Aver creato due/tre occasioni da rete contro una squadra come il Lecce – continua l’allenatore dell’Ascoli – ritengo testimoni la bontà dell’espressione del gioco, su cui lavoriamo costantemente, poi però i gol vanno fatti, dobbiamo sicuramente migliorare sotto quell’aspetto. Non posso però non fare i complimenti ai ragazzi per il grande impegno nonostante le difficoltà, adesso c’è la sosta e lavoreremo tanto per portare in condizione i ragazzi che sono arrivati per ultimi. Il nostro percorso non deve cambiare di un centimetro. Non sono preoccupato per la fase offensiva, sarei preoccupato se non producessimo gioco senza creare occasioni, dobbiamo affinare la fase conclusiva. Donis? E’ un giocatore che ha le qualità di giocare in tutti e tre i ruoli della metà campo, ha fatto una buona partita soprattutto nel primo tempo, fino a che la condizione lo ha assistito, sono molto felice di lui”.

Saric? Ha preso una botta, ma niente di preoccupante – prosegue Bertotto – Avlonitis? Ha avuto una forte conclusione, è andato a fare delle lastre per vedere che non ci sia di più di una semplice botta, vedremo la prossima settimana. Ci sono alcune situazioni da limare per completare la squadra, la società ha lavorato e sta lavorando benissimo ed io ho la massima fiducia e condivisione sulle scelte finora fatte. La pausa? Ci servirà tanto, per esprimere un calcio di livello e di qualità la condizione fisica è una condizione primaria. I ragazzi nelle due partite non hanno sbagliato nulla a livello tattico, lavoriamo senza perdere di vista il nostro obiettivo”

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.