di Giulia Massetti

 

ASCOLI PICENO – Il festival multidisciplinare delle Arti sceniche contemporanee continua con la quinta edizione sabato 17 e domenica 18 ottobre. Sembra un paradosso, ma le espressioni significative del presente passano attraverso il teatro, la musica e la danza di oggi. Ascoli in queste due giornate offre uno sguardo sui nuovi linguaggi della scena, una occasione privilegiata per chi deciderà di partecipare pur rimanendo in piena sicurezza con tutte le procedure di legge per il contenimento della diffusione del Covid. 

Anche se l’epidemia in corso ha creato qualche defezione. La giornata di sabato si sarebbe dovuta concludere alle ore 23 alla Chiesa di Sant’Andrea con Sorry, but i feel slightly disidentified…, prima pièce di una trilogia dedicata ai temi del corpo e degli stereotipi, una performance caleidoscopica e ammaliante creata da Benjamin Kahn per Cherish Menzo. Senza alcun giudizio morale, attraverso trasformazioni costanti e improvvise, la Menzo ripercorre modelli legati al genere per arrivare al quesito dei confini, reali, sociali ed emozionali.

Questo spettacolo è stato annullato a causa dell’impossibilità di spostamento della compagnia belga a causa del peggioramento della situazione dovuta al Covid. Per quest’anno quindi saremo costretti a immaginarla e sperare di poterli vedere presto dal vivo.

Sabato 17 ottobre nel centro storico della città uno spettacolo itinerante di Sanpapié, A[1]Bit, attende il pubblico (ore 11 con repliche alle 12, 16, 17.30). Lara Guidetti crea un’opera coreografica completamente innovativa sulla singolare composizione A 1 Bit Simphony dell’artista newyorchese Tristan Perich, primo album in assoluto pubblicato sotto forma di microchip. Una sinfonia in 5 movimenti – i primi 3 in programma sabato, il IV e V la domenica mattina . Ogni movimento della sinfonia prenderà vita da Piazza del Popolo in un percorso a tappe, in cui Ascoli Piceno diventerà scenario di incursioni danzate. 

Il Teatro dei Filarmonici attende alle ore 16 Filippo Michelangelo Ceredi con Between Me and P., un lavoro autobiografico che nasce dalla radicale esigenza di riappropriazione di una storia familiare. Pietro sparì volontariamente nel 1987 all’età di 22 anni, senza lasciare tracce. Dopo venticinque anni Filippo, il fratello minore, ha avviato una lunga ricerca per tentare di avvicinarsi a lui e capire cosa lo portò alla decisione di sparire. Gabriele Portoghese è il protagonista di Tiresias alla Chiesa di San Pietro in Castello in doppia rappresentazione, alle ore 18 e alle ore 20, che Giorgina Pi, regista del collettivo Bluemotion, ha firmato dal testo di Kate Tempest, Hold your own / Resta te stessa.

Dopo anni trascorsi a Lampedusa a recuperare testimonianze dirette, Davide Enia ha scritto un romanzo prima, Appunti per un naufragio da cui è nato l’inteso spettacolo L’abisso, al Teatro Ventidio Basso alle ore 21.15 reduce dal prestigioso Premio Ubu 2019 come “Migliore nuovo testo italiano o scrittura drammaturgica”.

Ultima giornata domenica 18 ottobre al via nel centro storico alle 10.30 (repliche alle 11.30, 12.30 e 15) con il IV e V movimento di A[1]Bit di Sanpapié e alle ore 16 alla Chiesa dell’Annunziata . Al Teatro Ventidio Basso (ore 17) l’appuntamento è con Tebas land, un’opera ispirata al mito leggendario di Edipo del drammaturgo franco-uruguaiano Sergio Blanco, uno dei più originali ed innovativi apparsi recentemente sulla scena internazionale, con Ciro Masella e Samuele Picchi.

A completare la proposta della quinta edizione del festival delle arti sceniche contemporanee – doppia rappresentazione ore 18.30 e ore 21.30 al Teatro dei FilarmoniciPerpendicolare, un innesto affascinante e naturale tra il mondo musicale di Cristina Donà e la danza del coreografo Daniele Ninarello, plasmati e cuciti insieme dal musicista e compositore Saverio Lanza. Materiale inedito nato appositamente per lo spettacolo e alcune tra le canzoni più note della cantautrice si aprono nello spazio della performance come una visione che scorre fin sotto la pelle di chi ascolta.

Qualche modifica e qualche colpo di scena? Sì, come solo nel mondo del teatro ( e della vita) può accadere. Ma lasciamoci sorprendere , almeno in queste due giornate organizzate a Ascoli Piceno Present, non più dalla vulnerabilità degli eventi ma dalla bellezza e i contenuti che l’arte è in grado di esprimere anche e soprattutto in tempi duri.

Informazioni: Biglietteria del Teatro Piazza del Popolo 0736 298770.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.