ASCOLI PICENO – Rientro amaro per l’Ascoli da Frosinone dove i padroni si sono imposti per 1-0 grazie al gol al 75′ di Salvi dopo un ottimo primo tempo dei bianconeri che hanno creato tante occasioni da rete senza però riuscire a sfruttarle; ulteriore rimpianto la traversa colpita da Kragl su punizione nell’ultima azione della partita.

“Sono molto arrabbiato perché venire a Frosinone e dettare legge – le parole di mister Bertotto al termine del match –  contro un avversario attrezzato per il salto di categoria, lascia un grande rammarico. Chi ha visto la partita non avrebbe gridato allo scandalo se nel primo tempo avessimo segnato tre gol; il secondo tempo lo abbiamo giocato molto bene, ma è chiaro che al nostro percorso di crescita manca ancora quel centimetro, che dobbiamo essere bravi a prenderci. Abbiamo tirato in porta più di venti volte, ma non abbiamo segnato. C’è grande rammarico per il risultato finale, non solo per non aver pareggiato, ma per non aver vinto”.

“Sono comunque molto orgoglioso dei ragazzi perché hanno lavorato benissimo – continua il tecnico bianconero – hanno avuto il predominio della gara al 100%, ma è a quel punto che bisogna abbattere l’avversario, sportivamente parlando. Purtroppo la fortuna non è stata dalla nostra, nonostante ci siamo creati i presupposti per vincere la gara, ma dobbiamo chiudere le partite e fare gol. Ho detto alla squadra che non dobbiamo buttarci giù, anzi, dobbiamo tornare a casa consapevoli della forza che abbiamo dimostrato. Sono proprio queste le partite che ti danno quella rabbia e quella voglia di rivalsa che vanno trasferite subito in campo”.

“Finora abbiamo affrontato tre squadre pretendenti alla Serie A e i ragazzi hanno dimostrato di poter vincere contro tutti – prosegue Bertotto – nonostante ci siamo formati da pochissimo e ancora non si aggrega al gruppo l’ultimo elemento, Tupta. Stiamo raccogliendo pochissimo, ma la strada è quella giusta, continuiamo a lavorare con forza, dedizione e mentalità. E’ un bene che si torni subito in campo perché dobbiamo trasferire la rabbia di stasera sul campo. Pucino e Vellios? Pucino non ha nulla di importante, Vellios, invece, ha rimediato una gomitata al costato ed è in ospedale per accertamenti. Particolare vigilia di gara? Purtroppo dobbiamo saperci convivere con queste situazioni, viviamo un periodo particolare per tutti, dobbiamo essere pronti ad adattarci”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.