ASCOLI PICENO – Martedì 13 ottobre si è recata all’ospedale Mazzoni di Ascoli per una visita oculistica concordata tramite appuntamento da un anno, e si è sentita rispondere, solo una volta giunta nel reparto Oculistica, che la visita era annullata a causa dell’epidemia Covid-19.

Questa è l’amara avventura che è capitata ad una anziana signora di Ascoli Piceno: “E per fortuna sono di Ascoli, perché altrimenti vi immaginate se fossi arrivata qui da una città distante, per sentirmi dire solo al reparto dell’annullamento della visita programmate, senza che nessuno mi avesse avvertito per tempo? Bastava una telefonata” ci dice.

Quello che è avvenuto non è un caso unico: a causa del ritorno dell’epidemia sembra che molti servizi ospedalieri, nell’Area Vasta 5, vengano posticipati.

“L’appuntamento per la visita oculistica l’ho preso un anno fa, e mi avevano comunicato di presentarmi il 13 ottobre. Ho un leggero problema alla cataratta, ma i dottori mi dicono che non è matura per l’operazione per cui sono necessarie visite periodiche. All’ospedale sono entrata senza problemi: mi hanno preso la temperatura all’ingresso e sono andata ad Oculistica. A quel punto un infermiere, vedendo l’impegnativa, mi ha detto che le visite erano cancellate a causa dell’emergenza Covid-19“.

L’aspetto paradossale, tuttavia, è che alla donna l’appuntamento, preso appunto nel 2019, non è stato neppure posticipato nonostante l’annullamento improvviso: “Mi hanno detto che dovevo di nuovo farmi scrivere l’impegnativa dal mio medico di base e quindi prenotare di nuovo. Probabilmente, visti i tempi, al 2021. Quindi passeranno due anni per una visita. Se non ci saranno nuove sorprese”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.