ASCOLI PICENO – “Il lancio di lacrimogeni da parte di agenti della Questura ha interrotto poco fa una manifestazione non autorizzata ad Ascoli Piceno, contro l’ultimo Dpcm anti Covid”.

Così in una nota l’Ansa il primo novembre. Nei giorni scorsi alcuni commercianti avevano annunciato l’intenzione di organizzare un corteo, ma hanno poi rinunciato anche a seguito di una presa di posizione della Questura che rendeva noto di non aver ricevuto “richieste formali di pubblica manifestazione” come previsto dalle norme di pubblica sicurezza e la necessità (in base allo stesso Dpcm) di esercitare il diritto a manifestare “in forma rigorosamente statica” (quindi senza cortei) e e osservando le regole sanitarie: mascherina e distanziamento sociale.

Qui il nostro articolo precedente

La Questura: “Protesta dei commercianti il primo novembre? Per ora nessuna richiesta”

Dall’Ansa aggiungono: “Ma intorno alle 18 alcune persone, tra cui, secondo la Questura, elementi riconducibili a CasaPound, hanno comunque dato vita al corteo che da piazza Immacolata si è diretto verso il centro storico con uno striscione contro il Dpcm e urlando Lavoro, Lavoro”.

“All’altezza del ponte di Porta Maggiore i manifestanti sono stati fermati dalla polizia schierata, anche con il lancio di un paio di lacrimogeni” si conclude la nota dell’Ansa.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.