ANCONA – “Qualche minuto fa mi ha chiamato il ministro Speranza per anticiparmi la comunicazione ufficiale rispetto alla variazione della fascia di colore della nostra regione, che da gialla diventa arancione”.

Così, in una nota diffusa sui Social nel pomeriggio del 13 novembre, il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli: “Una classificazione che fino a ieri non era prevista seppur negli ultimi due giorni i numeri dei positivi erano oggettivamente cresciuti, in particolare quello dei sintomatici. Per questo stavamo studiando un’ordinanza anti-assembramento che a questo punto diventa inutile. Passando da regione gialla a regione arancione le restrizioni diventano più forti”.

Il presidente prosegue: “Tra le misure principali, i bar e i ristoranti potranno lavorare solo con consegne a domicilio o d’asporto fino alle 22 e dovranno restare chiusi. È vietato spostarsi tra regioni e tra comuni se non per comprovati motivi di lavoro, di salute, di studio o necessità”.

“Dispiace sicuramente veder ulteriormente compresse le nostre libertà e penalizzata la nostra economia, ma invito comunque a rispettare le misure previste dal Dpcm che avranno una validità di due settimane a partire da questa domenica compresa (n.d.r. 15 novembre)conclude Acquaroli.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.