ASCOLI PICENO – Giornata da dimenticare, per gli appassionati del calcio e non solo, quella del 25 novembre 2020.

E’ morto, a 60 anni, Diego Armando Maradona. L’argentino fu un asso del pallone negli anni ’80 e ’90 specialmente con le maglie del Napoli e della Nazionale biancoceleste.

Ascoli ha avuto il privilegio di vedere il “Pibe de Oro” in tante partite disputate al Del Duca tra il 1984 e il 1988, in serie A e Coppa Italia.

Curiosamente il primo match di Maradona nella città delle Cento Torri, stagione 1984-85, fu amaro: espulsione dopo lite con Nicolini. Il primo “rosso” ricevuto in Italia.

Alla Rai spiegò, a fine gara: “Non so cosa è successo, non è colpa dell’arbitro ma del guardalinee. Nicolini ha tentato di darmi una testata”.

I due poi si chiarirono successivamente e cordialmente.

Il numero 10 del Napoli segnò solo una volta al Del Duca: era il 31 gennaio 1988 e gli azzurri vinsero 3 a 1 in rimonta. Maradona segnò su calcio di rigore (qui il tabellino completo).

Qui il video pubblicato su YouTube dal canale Alessandro Lugli del match del 31 gennaio 1988

L’argentino, inoltre, venne ad Ascoli svariate volte per trovare il fratello Hugo, meteora nel Picchio nella stagione 1987-88.

Diego tante volte bussò nello spogliatoio dell’allora mister Ilario Castagner, come confessato a Dribbling, trasmissione Rai, diversi anni fa: “Mi chiedeva perché cambiavo sempre il fratello. All’epoca aveva una buona tecnica ma poca tenuta fisica. Forse avrebbe comunque meritato un’altra chance. Il Pibe de Oro, tanti martedì, veniva a trovarmi alla fine degli allenamenti per parlare. Vederlo faccia a faccia faceva una bella impressione. All’inizio accettava le mie esclusioni però poi si è arrabbiato. Trattava Hugo come un figlio”.

Di seguito la puntata di Dribbling dedicata a Hugo Maradona con le dichiarazioni di Castagner, dal canale YouTube Giorgio AmoredelCalcio

Una giornata amara anche per molti ascolani, quella di oggi.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.