ASCOLI PICENO – Vittoria in rimonta per 2-1 dell’Ascoli di Sottil, al terzo risultato utile consecutivo, contro la Reggina; calabresi avanti al 19′ con Liotti, pareggio bianconero all’83’ con Cangiano e gol vittoria firmato da Kragl con un destro da fuori area al 91′. Per i marchigiani sono i primi gol stagionali messi a segno da giocatori subentrati nel corso della partita.

“Non ci poteva essere regalo migliore di questa vittoria arrivata in rimonta – le parole dell’allenatore dell’Ascoli a fine match – Ringrazio i ragazzi, hanno voluto a tutti i costi ribaltare questa partita, grazie per avermi regalato un compleanno bellissimo. Chi è entrato si è fatto trovare non pronto ma prontissimo, dico sempre che la nostra forza non sono gli undici in campo ma tutta la rosa. La Reggina era messa bene in campo e ci ha messo in difficoltà soprattutto nel primo tempo. Vittoria pesantissima, abbiamo recuperato diversi punti ed abbiamo accorciato la classifica, sul piano della fiducia è un’iniezione devastante”.

“Dopo i primi venti minuti mi ero accorto che non mi piaceva la partita – continua Sottil – sbagliavamo le scelte forzando le giocate, non abbiamo fatto un bel primo tempo, nel secondo abbiamo cambiato tatticamente cercando di allargarli, dopo il pareggio ho voluto alzare Kragl per avere un uomo in più lì davanti. Eramo è entrato per pochi minuti ma con tantissima voglia. Adesso ci riposeremo un po’, i ragazzi hanno bisogno di staccare, per il mercato con il direttore Polito ci confrontiamo ogni giorno, sono molto sereno, lui sa quello che serve e ci penserà lui, le idee sono chiare comunque”.

“La mia rete? E’ arrivata una palla in mezzo ed ho anticipato il difensore – afferma Oliver Kragl – non ho pensato molto ed ho tirato, è andata bene. Ancora non sono in perfetta forma ma almeno adesso non sento dolore. Il mio ruolo? Decide il mister, io mi metto a disposizione. Ho trovato un gruppo più forte, ci alleniamo con più voglia e con più cuore, la situazione adesso è più chiara. Sono tre punti pesanti per noi, siamo più vicini a chi ci sta davanti, dobbiamo però pensare a fare altri punti. Io spero di vincere ogni partita, ma nel calcio non è facile, a volte può andare bene altre male. A chi dedico il gol? Come sempre a mia moglie”.

“Il mio gol? – le dichiarazioni di Gianmarco Cangiano – Mi sono ritrovato sulla trequarti, cercavo il momento giusto per far male agli avversari, ho pensato solo a calciare. Dedico il gol a tutta la mia famiglia. Questa vittoria vale molto, sono tre punti che ci danno fiducia, dobbiamo fare però ancora tantissimo, vogliamo mostrare quello che abbiamo dentro. Un bilancio sulla mia stagione finora? Ho giocato ma non sono stato né bravo né fortunato sotto porta, io ce la metto tutta in qualsiasi momento per aiutare la squadra. Cos’è cambiato con l’arrivo di Polito e Sottil? Ci hanno trasmesso grinta e carattere, hanno personalità da vendere ed un carattere forte, mettendo questa sensazione alla squadra ci hanno aiutato moltissimo, forse era quello che ci mancava, abbiamo tutte le qualità per fare bene”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.