ASCOLI PICENO – Chiuso il mercato di riparazione (qui il bilancio del ds Polito), l’Ascoli Calcio si prepara alla sfida di domani 5 febbraio contro il Lecce, in programma alle ore 21 allo stadio “Via del Mare” del capoluogo salentino.

“Finalmente si è chiuso questo benedetto mercato – le parole di mister Sottil alla vigilia del match – Con ottimi innesti, il direttore Polito ha fatto un ottimo lavoro migliorando una rosa che era già competitiva prendendo giocatori molto duttili e con caratteristiche diverse e con voglia di venire ad Ascoli ad affrontare queste battaglie con lo spirito giusto. Finalmente abbia delineato la rosa senza più possibili distrazioni di mercato, sono contento dei giocatori arrivati. Mosti e Parigini sono giocatori molto duttili, Mosti è più trequartista ed è molto giovane, ha grane forza ed ha già alle spalle campionati da titolare, è un profilo molto importante. Parigini è un giocatore di grande qualità, può giocare esterno o da seconda punta, viene da una Serie A. Caligara è un 2000 ma è un giocatore già molto forte, ha fisicità e grande piede, in mezzo al campo mi dà una soluzione diversa. Charpienter è un giocatore che abbiamo voluto anche se al momento infortunato, è una punta con caratteristiche che non abbiamo davanti, strutturato, anche a lui un benvenuto”.

“La migliore medicine nel calcio è la vittoria – continua il tecnico bianconero – E’ chiaro che le vittorie bisogna conquistarle, questi ragazzi stanno che giocano ogni partita per vincere fino all’ultimo secondo di gara, questa è l’identità che voglio. Contro il Brescia è andato a segno un difensore perché ci ha creduto, Brosco ha fatto un gol che non era facile, aveva la consapevolezza di poter fare. Eramo sta dimostrando che giocatore è, porta inserimenti, ha ritrovato la condizione ed il gol, tutti quanti si impegnano per l’obiettivo che va conquistato una partita per volta. Mi spiace non poter essere in panchina, non pensavo di subire la squalifica perché sinceramente non ho detto niente, ormai però non si può tornare indietro. Sarò in tribuna ma con lo stadio vuoto sentiranno lo stesso la mia voce. L’assenza per squalifica di Buchel spiace perché è un giocatore importante però abbiamo preso dei giocatori, penso ad esempio a Danzi che può fare più ruoli, che sono pronti a giocare”.

“In settimana ho vista tanta intensità ed applicazione – conclude Sottil – Il Lecce è l’ennesima corazzata che incontriamo, è una squadra costruita per vincere il campionato, ha tutti giocatori in rosa importanti. Noi rispettiamo tutti ma dobbiamo pensare a noi e cosa fare per metterli in difficoltà e vincere la partita, consapevoli che sarà una partita difficile ma noi ci siamo, andremo a fare una bella gara, ne sono sicuro. Che partita sarà? Una partita aperta, loro giocheranno ma giocheremo anche noi. La gara più importante è quella che deve venire, affrontato il Lecce penseremo alle prossime, sono contento che si giochi perché più si gioca più si prende ritmo”.

Sono 23 i convocati per il match contro il Lecce: Bolletta, Leali, Sarr; Avlonitis, Brosco, Corbo, D’Orazio, Kragl, Pinna, Pucino, Quaranta; Caligara, Danzi, Eramo, Mosti, Sabiri, Saric; Bajic, Bidaoui, Dionisi, Parigini, Simeri, Stoian.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.