ASCOLI PICENO – I bianconeri sono entrati in un tunnel buio e lungo, la luce non si vede e mister Sottil dovrà lavorare molto per capire cosa sta succedendo ai suoi dopo la terza sconfitta nelle ultime quattro gare, con il solo punto conquistato a Pordenone, il Picchio sta scivolando nelle sabbie mobili, il Cosenza a +4  (a 26 punti in zona playout) sembra lontanissimo.

Il Pescara vittorioso a Padova contro il Cittadella raggiunge l’Ascoli a quota 22, bianconeri  nella prossima sfida non potranno fallire contro l’Entella fanalino di coda a 19 punti ma reduce da un buon pareggio contro il Lecce.

L’Ascoli esce sconfitto per due reti a zero, al  “Del Duca”, nel turno infrasettimanale valido per la 26esima giornata del campionato di Serie B contro il Pisa di mister D’Angelo.

L’Ascoli di mister Sottil si presenta senza gli infortunati Kragl e Charpentier, mentre il Pisa di Mister D’Angelo senza ben sette elementi: Mazzitelli e gli indisponibili Birindelli, Varnier, Vido, Masucci e Sibilli. Il tecnico bianconero cambia le carte in tavola un 4-3-1-2 con alcuni cambiamenti nei ruoli, difesa a 4 con Brosco e Quaranta centrali, Pinna terzino destro e Pucino a sinistra ( posizione che  penalizza la sua prestazione, sostituito dopo solo 45 minuti), a centrocampo un rombo con Danzi in regia, Saric mezz’ala destra e Sabiri mezz’ala sinistra (prestazione a sprazzi valida e a sprazzi inerte la sua) e Mosti sulla tre quarti dietro a Dionisi e Simeri schierato dal primo minuto, novità che stravolgono gli equilibri della mediana e del reparto offensivo, una squadra disorientata e distratta.

I bianconeri subiscono il primo gol dopo solo dieci minuti, Mastinu infila il vantaggio. Il gol nasce da un passaggio errato di Pucino che serve male Sabiri a centrocampo, che non si impegna troppo per recuperare il pallone, ne approfitta Lisi che serve Marin che si invola sulla fascia e trova Mastinu in area che infila con un piattone di potenza. Il raddoppio arriva al 36esimo con Marconi che di testa infila nell’angolino, sfruttando un cross dalla sinistra, difesa immobile.

Nella ripresa al 1° minuto triplice cambio per cercare di rimettere in sesto la situazione, fuori Pucino al suo posto D’orazio, Simeri, che non riesce mai ad entrare in partita esce per Bajic e Mosti lascia spazio a Bidaoui, che si rivela elemento essenziale, l’unico a creare superiorità numerica e creare occasioni importanti. Dionisi si “danna” anche fuori posizione cercando di portare la palla in avanti e fungersi suggeritore, ma l’area è sguarnita senza di lui, non molla mai e lo si vede anche tornare in difesa per rincorrere gli avversari.

I bianconeri tentano un pressing forsennato  nella ripresa portandosi in avanti soggetti ad alcuni pericolosi contropiedi pisani, poi mister Sottil sostituisce al 16esimo della ripresa Danzi, il migliore in campo, al suo posto Parigini che cerca di spingere sulla fascia destra poi al 30esimo anche Cangiano per Pinna, tutti in avanti per cercare la rete, si perdono gli equilibri a fronte di un Pisa che si chiude bene, gioca di rimessa con contropiedi veloci e cambi di gioco e sopratutto con la fame di chi vuole portare a casa i tre punti. Dopo 4 minuti di recupero si chiude il match.

 

 

FOTOGALLERY a cura di Andrea Giammusso

 

ASCOLI-PISA 0-2
Marcatori: 10’ Mastinu (P), 37’ Marconi (P)

ASCOLI – PAGELLE

Leali 6

Pinna 5 (76’ Cangiano sv)

Brosco 5,5

Quaranta 6

Pucino 5 . (46’ D’Orazio 5.5)

Sabiri 6

Saric 5.5

Danzi 6.5

Mosti 5  (46’ Bidaoui 6).

Dionisi 5,5

Simeri 5 (46’ Bajic 5.5)


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.