ANCONA – “Il piano di approvvigionamento dei vaccini per la Regione Marche prevede per il mese di aprile la consegna di un milione di dosi che saranno destinate a più o meno 500 mila persone da vaccinare, ma il grosso, diciamo così, dei quantitativi che dovrebbero arrivare nella nostra regione è nel terzo trimestre dell’anno, luglio-agosto-settembre, a quel punto si potrà essere la vaccinazione estesa alla popolazione”.

Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità delle Marche Filippo Saltamartini, il 23 marzo, rispondendo a delle interrogazioni in Consiglio regionale, riunito in seduta telematica.

Saltamartini ha poi spiegato che la somministrazione dei vaccini all’interno delle aziende potrà avvenire soltanto quando “saranno soddisfatte le platee che hanno la precedenza (categorie a elevata fragilità, caregiver, soggetti con disabilità, fascia di età 60-70 e 70-80). Una prospettiva – ha spiegato – che si ritiene possa essere soddisfatta a fine aprile, inizio maggio”.

Sempre rispondendo ad un’altra interrogazione l’assessore ha detto che l’amministrazione regionale è “d’accordo sulla priorità di vaccinazione per autoferrotranvieri e addetti ai supermercati “e per quanti operano nei servizi pubblici essenziali. Ma non è possibile addivenire a questa soluzione, perché il piano di vaccinazione elaborato dal Governo lo scorso 10 marzo prevede una strutturazione sulla base delle fasce d’età e dando la priorità a persone con elevata fragilità e con disabilità grave”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.