ASCOLI PICENO- La delicata sfida tra Cosenza e Ascoli, valida  per la 31^ giornata del Campionato di Serie BKT, in programma venerdì 2 aprile, alle ore 15 al San Vito – Marulla di Cosenza è affidata a Paolo Valeri della sezione di Roma 1 . Gli Assistenti sono Michele Lombardi di Brescia e Fabrizio Lombardo di Cinisello Balsamo. Quarto Ufficiale Matteo Marchetti della sezione di Ostia Lido.

Sono 24 i bianconeri convocati da Mister Sottil per la trasferta di Cosenza: out Dionisi, squalificato, e Stoian, infortunato. Prima convocazione per il difensore Cacciatore. Lico è indisponibile in quanto in Nazionale.

PORTIERI: Leali, Sarr DIFENSORI: Avlonitis, Brosco, Cacciatore, Corbo, D’Orazio, Kragl, Pinna, Pucino, Quaranta CENTROCAMPISTI: Buchel, Caligara, Danzi, Eramo, Mosti, Sabiri, Saric ATTACCANTI: Bajic, Bidaoui, Cangiano, Charpentier, Parigini, Simeri

I numeri. I bianconeri costretti a vincere sono attualmente terz’ulimi in classifica con 28 punti, frutto di 6 vittorie, 10 pareggi e 14 sconfitte. Con un bottino di soli  25 gol segnati e 39 subiti, con risultati utilli da quattro giornate, la squadra di mister Sottil non può sbagliare contro una diretta concorrente alla salvezza.

Sono sei gli ex della gara: Matteo Legittimo che ha indossato la maglia bianconera nella stagione 2012/2013 con 7 presenze e 0 gol, Gianmarco Ingrosso ad  Ascoli da agosto 2018 a gennaio 2019 per lui zer0 presenze, Davide Petrucci, centrocampista bianconero nella stagione 2019/2020 con 31 presenze e 0 gol, Alberto Gerbo ad Ascoli da luglio 2019 a gennaio 2020 e da agosto 2020 a gennaio 2021 con 30 presenze e 1 gol. Marcello Trotta, attaccante bianconero da gennaio ad agosto 2020 con 17 presenze e 6 gol ha contribuito alla salvezza nella scorsa stagione. Nelle file bianconere unico ex è il terzino D’Orazio, a Cosenza da gennaio 2017 a settembre 2020, 116 presenze e 7 gol

Al termine della seduta di rifinitura, Mister Sottil ha parlato dello stato di forma della squadra, che nelle ultime due settimane ha lavorato sodo per farsi trovare pronta all’impegno di domani col Cosenza:

“Abbiamo lavorato molto bene, con grande intensità, raggiungendo tutti gli obiettivi condizionali, tattici e tecnici che ci eravamo prefissati come staff. Sono molto soddisfatto della concentrazione con cui i ragazzi si sono allenati, ho visto anche grande spregiudicatezza e allegria, aspetti importanti. La gara di Cosenza è uno spareggio, un match fondamentale, siamo tutti consapevoli dell’importanza della partita e per questo siamo molto carichi. Questi giorni ci hanno fatto capire ancor più la nostra forza e la consapevolezza nei nostri mezzi. Rispettiamo un avversario che ci darà filo da torcere, ma abbiamo lavorato bene e i ragazzi sono pronti e consapevoli di quello che devono fare domani in campo. In particolare vedo una sana lucidità in tutti, arriviamo a questo impegno molto leggeri mentalmente, cosa che fa la differenza in questo tipo di gare”.

Il tecnico dovrà fare a meno dello squalificato Dionisi, oltre a Stoian, ancora indisponibile:

“Dionisi è un giocatore molto importante per le sue qualità tecniche, per la sua capacità di essere leader e di saper fare gol, è un calciatore simbolo di questa squadra, ma questo gruppo ha sempre dimostrato che chi è andato in campo per sostituire un compagno si è sempre fatto trovare pronto; ci sono soluzioni che ho già attuato, chi giocherà farà la sua parte e la farà molto bene. E’ fondamentale responsabilizzare la rosa facendo sentire tutti importanti. Stoian ha ancora il fastidio muscolare al quadricipite, non sarà della partita”.

Prima convocazione per il difensore Cacciatore, ufficializzato in settimana:“Cacciatore è reduce da un periodo di inattività, porta con sé la sua grande esperienza, il suo vissuto e l’entusiasmo, non tutti si mettono in discussione e hanno capacità di sacrificarsi. Finalmente ha raggiunto una condizione accettabile, è convocato, sono contento perché può essere anche una guida per i giovani”

Le scelte di Sottil sull’undici titolare non saranno condizionate dall’impegno ravvicinato col Vicenza “Conta solo la partita di Cosenza, è una finale, è la partita obiettivo, le scelte sono mirate a questa gara”.

Ancora una volta Patron Pulcinelli è stato vicino alla squadra con la sua presenza al Picchio Village:

“Il Patron è una figura di grande carisma, quando viene siamo tutti contenti, ha la capacità di trasmettere serenità e la sua mentalità vincente. Nella vita è un vincente, uno che si è costruito un impero lavorando sodo e ci trasmette la mentalità di scendere in campo per vincere, consapevoli delle nostre forze, pur mantenendo quell’umiltà, che ci fa rispettare l’avversario. Ieri è stata una giornata bella, il Patron ci ha portato la sua vicinanza e la sua mentalità vincente”.

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.