ASCOLI PICENO – Seconda vittoria casalinga consecutiva per l’Ascoli che supera per 1-0 il Monza di Brocchi grazie alla prima rete in Serie B di Dario Saric al 64′ bravo a sfruttare in area avversaria il cross dalla sinistra di D’Orazio.

“Oggi giocavamo contro una corazzata – le parole a fine gara di Andrea Sottil – sapevamo dell’importanza e della difficoltà di questa partita. Ai ragazzi devo fare dei super complimenti, hanno dato tutto, hanno giocato con ordine tattico e disciplina, cercando di fare le cose che avevamo provato. Forse nel primo tempo potevamo essere più precisi con l’occasione di Bidaoui frutto di un ottimo contropiede, la squadra però ha reagito ed è venuta fuori, hanno giocato come piace a me, con il cuore. Il nostro dna è la compattezza, stando sotto la linea della palla in maniera ordinata, recuperando palla e partendo verticalmente, l’ordine tattico fa parte dei nostri punti di forza. Saric? E’ un giocatore importante in questa squadra, lui sa su cosa stiamo lavorando da mesi, insieme alle altre mezzali, oggi finalmente è arrivato un gol che avevamo provato tantissime volte, sono contento per lui e per i ragazzi”.

“Ho la fortuna di avere difensori forti e bravi, chiunque scelga – continua il tecnico dell’Ascoli – Brosco sta offrendo sempre prestazioni di livello, ho deciso di dare continuità ad Avlonitis perché lo vedo molto pulito e sereno. Kragl aveva un fastidio già nel finale del primo tempo, stavo anche ragionando per avere un po’ più di spinta, non è facile entrare in partita in corso, faccio i complimenti a D’Orazio perché si è fatto trovare pronto, questa è la forza della squadra. Dobbiamo sentirci tutti protagonisti ed utili, anche chi entra per pochi minuti. Leali? Secondo me è uno dei top di questa categoria, è un portiere di grande affidabilità ed è molto bravo, oggi è stato decisivo con quella parata. Parigini? Si è fermato in allenamento per un dolore in una zona che soffre molto, non ha recuperato. Charpentier veniva da un problema muscolare ed ho preferito fare questa scelta. Si continua a ragionare partita dopo partita, la nostra strada è tracciata, adesso ci godiamo questa vittoria ed un giorno libero e poi si penserà alla Spal ed a preparare la partita, l’obiettivo adesso è soltanto Ferrara”.

“Sono felicissimo perché ci tenevo tanto a fare questo gol – afferma Dario Saric – avere segnato ed aver vinto la partita è una gioia grandissima, in più contro una delle migliori squadre del campionato. Lo aspettavo questo gol, sono felice perché abbiamo vinto, questo ci dà morale e la voglia di andare a vincere la prossima. Non dimentichiamoci che giocavamo contro una big del campionato, non potevamo muoverci a casaccio, ci sta soffrire nel primo tempo e contenere. Nel secondo tempo abbiamo preso le misure facendo quello che ci diceva il mister trovando gli spazi per riuscire a segnare. L’azione del gol è un’azione che proviamo spesso in allenamento, ho letto il cross e la palla è arrivata perfetta. Abbiamo fatto una buona prova, come mediana eravamo in sintonia con la difesa, siamo stati compatti ma abbiamo cercato anche la giocata. Io cerco di mettere tutto in campo, mi hanno chiesto di fare il terzino e l’ho fatto, aiutato dai compagni e dalla panchina. Sarebbe stato davvero emozionante sotto la curva piena di tifosi, avere lo stadio pieno fa la differenza. Dedica per il gol? Alla mia famiglia, la mia compagna ed anche a tutti i tifosi che mi hanno sempre appoggiato. Puntiamo a fare più punti possibili, i conti li faremo alla fine, dobbiamo cercare di vincerne il più possibile”.

“Dopo tanto tempo fare una gara ufficiale, per noi che amiamo questo sport – le dichiarazioni di Fabrizio Cacciatore – è sempre un’emozione speciale. Sono contento di aver esordito con la maglia dell’Ascoli con una vittoria, è stato un esordio speciale. E’ da un mese che lavoro con i miei compagni, abbiamo imparato a conoscerci e c’è grande coesione, quando entri in campo e ti trovi bene con i tuoi compagni è tutto più facile. Il mister mi ha chiesto solidità difensiva e di dare una mano alla squadra nelle fasi decisive del match. Balotelli? Nessuno può discutere le sue qualità, sapevamo non fosse al massimo essendo reduce da un infortunio, per fortuna non è stato incisivo. Salvezza diretta? Il nostro obiettivo adesso è giocarci partita dopo partita i tre punti, alla fine tireremo le somme e vedremo se riusciremo a salvarci direttamente oppure no”.

 

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.