ASCOLI PICENO – Di seguito una nota della consigliera regionale Pd, Anna Casini, giunta in redazione il 7 maggio.

Non si può continuare a prevedere ulteriori interventi sul sito di Relluce (dove sono site tutte le discariche attive e non della Provincia) senza un Piano d’Ambito provinciale con cui stabilire fabbisogni, priorità e ubicazioni, tenendo conto delle sofferenze ambientali che da anni pesano su alcuni territori come ad esempio quelli dei comuni di Castel di Lama, Appignano, Ascoli e Castignano. 

È necessario predisporre uno studio che valuti gli stress ambientali già esistenti al fine di pianificare per il futuro confini e parametri certi, analizzati in via preliminare, ed evitare di continuare a penalizzare una porzione di territorio già compromessa. Qui infatti sono state ubicate discariche i cui impatti si sono cumulati negli anni a causa di interventi di ampliamento realizzati senza alcuna strategia e spesso in emergenza.

La preesistenza di impianti a Relluce non può essere la motivazione per prevederne ampliamenti e per ubicarci il nuovo biodigestore che comporterebbe un ulteriore carico ambientale, anche alla luce della carenza di reti di metano esistenti a cui connetterlo.

Sono totalmente d’accordo con la posizione contraria alla realizzazione del biodigestore assunta dal Segretario del Circolo del Pd di Castel di Lama Stefano Falcioni e dai Sindaci di Appignano, Castignano e Castel di lama. Nulla può e deve essere autorizzato senza studi e valutazioni che possono essere affrontati solo con una pianificazione provinciale o regionale.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.