ASCOLI PICENO – Di seguito una nota, giunta in redazione il 19 maggio, da parte dell’Usb Marche (Unione Sindacale di Base).

A SEGUITO DELLA LOTTA USB CHE HA PROCLAMATO STATO DI AGITAZIONE, MARZO 2021, LA PARTE PUBBLICA E SINCADALE SI SONO INCONTRATI QUASI DUE MESI FA, l’8 APRILE, E A TUTT’OGGI NULLA è CAMBIATO! È EVIDENTE CHE NON HANNO AFFRONTATO NÉ RISOLTO LE PROBLEMATICHE DELLE LAVORATRICI E LAVORATORI CHE USB AVEVA PORTATO ALL’ATTENZIONE DEL PREFETTO!  E DALL’OTTO APRILE SONO TORNATI ENTRAMBI LATITANTI!

I motivi più salienti che vogliamo ricordare sono:

1  PEO (Progressioni Economiche Orizzontali) 2019.  attribuzione, agli aventi titolo, le P.E.O. anno 2019, cioè con relativa decorrenza 1.1.2019, ovvero con gli arretrati dal 1/Gennaio/2019
2   Avviso per applicazione progressioni verticali, garanzia per tutte le lavoratrici e lavoratori a cui è applicabile norma per investire sulle risorse umane presenti;
3  Stabilizzazioni personale comparto con requisiti stabiliti da norme vigenti al 31/12/2021;
4  Piano occupazionale straordinario con Assunzioni stabili per coprire le carenze croniche di personale sanitario, Infermieri, OSS, Tecnici Radiologia, Tecnici di laboratorio, Ostetriche, ecc. a partire dalle graduatorie di mobilità ASUR extra ASUR e Concorsi; anche a  GARANZIA FRUIZIONE COME PREVISTO DA CCNLO DELLE FERIE ESTIVE

5 Urgenza nel mettere a disposizione una stanza dedicata alle lavoratrici e ai lavoratori addetti ai collegamenti dei piani dell’ospedale Mazzoni, con utilizzo PC e servizi igienici.6 Piano emergenza 2021, stabilito da CCNL, che l’av5 non è mai presentato né tanto meno è stato contrattato
7 Definitiva attivazione e conclusione mobilità Interna entro l’inizio del periodo ferie estive

8 RISPETTO DIRITTI SANCITI DAL CCNL A PARTIRE DAL TEMPO TUTA, CON RELATIVI ARRETRATI, DIRITTO MENSA/SOSTITUTIVO CON BUONI PASTO, 

9 PREMIALITA COVID ecc.

Usb Marche, con lo sciopero del settore sanità proclamato per il 21 maggio, scenderà in piazza per manifestare la propria opposizione a questa impostazione e rivendicare un modello sanitario che sia realmente al servizio dei bisogni della popolazione e che elimini le diseguaglianze territoriali, pretenderemo anche un rinnovo contrattuale, a ogni datore di lavoro sia esso pubblico che Privato, che sia finalmente adeguato sotto il profilo degli aumenti retributivi (dopo dieci anni di blocco e un primo rinnovo davvero ridicolo) e che veda soddisfatte le legittime aspettative di sviluppo professionale degli operatori del settore Sanità.

Lotteremo per chiedere con forza l’eliminazione di tutte le forme di precariato e la stabilizzazione del personale, assunzioni stabili dalle graduatorie di concorso, (infermieri, OSS ecc) nonché la reinternalizzazione dei servizi e quella dei lavoratori e delle lavoratrici del Terzo settore in appalto, attraverso l’assunzione stabile alle dipendenze delle strutture pubbliche. 

Pertanto, diamo appuntamento al 21 maggio dalle ore 10, presso la sede della Regione Marche per richiedere con forza, assieme ai cittadini e le forze politiche e sociali che vorranno aderire, un netto cambio di rotta alla politica sanitaria regionale per tutelare la salute dei cittadini perché il personale della sanità, pubblica, privata e terzo settore delle cooperative, abbia il dovuto rispetto e i meritati riconoscimenti!

USB RITIENE CHE DOPO PIU’ DI UN ANNO DI PANDEMIA, AI LAVORATORI, STREMATI DALLA CARENZA DI PERSONALE, DALLA VIOLAZIONE SISTEMATICA DEI DIRITTI, DALLA MANCANZA DI SICUREZZA, DEBBANO ESSERE DATE RISPOSTE ORA! 

È PER QUESTO CHE INVITIAMO TUTTI ALLA LOTTA E ADERIRE ALLO SCIOPERO DEL 21 MAGGIO E PARTECIPARE ALLA MANIFESTAZIONE DAVANTI ALLA REGIONE MARCHE DALLE ORE 10.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.