ASCOLI PICENO – L’Unità operativa della Cardiologia dell’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno, diretta dal dottor Pierfrancesco Grossi, ha compiuto un altro passo che ne consolida lo stato di eccellenza.

Ha ottenuto una certificazione che attesta l’indipendenza dell’equipe del Laboratorio di Elettrofisiologia nella esecuzione delle procedure di ablazione di aritmie mediante utilizzo di crio-energia.

La Crioablazione (ablazione con il “freddo”) è una metodica alternativa all’ablazione transcatetere con radiofrequenza (“caldo”) che consente di trattare con elevato profilo di sicurezza ed efficacia le forme di tachicardia che, per la loro sede, risulterebbero ad alto rischio di complicanze.

La Crioablazione rientra in un protocollo diagnostico-terapeutico messo a punto dall’equipe del Laboratorio di aritmologia di cui è responsabile il dottor Procolo Marchese, che comprende l’utilizzo di innovativi sistemi di mappaggio elettroanatomico 3D, in grado di evitare l’utilizzo dei raggi X. Questa certificazione arricchisce le competenze del Centro dell’ospedale di Ascoli che negli ultimi anni è diventato un riferimento per la diagnosi e la cura delle patologie del ritmo cardiaco.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.