ANCONA – Oltre 4 mila infortuni sul lavoro dall’inizio dell’anno, 50 in più rispetto al 2020 (+1,2%), con gli aumenti maggiori nel terziario e nell’industria. In crescita soprattutto gli infortuni in occasione di lavoro (+3,3%), in calo quelli in itinere.

Sono Cgil, Cisl e Uil Marche a diramare questi “preoccupanti dati marchigiani” in occasione della Giornata di mobilitazione per la sicurezza sul lavoro promossa a livello nazionale per il 20 maggio.

“Una data simbolica – ricordano i sindacati – proprio in questo giorno, nel 1970, venne approvato lo Statuto dei Lavoratori”. Nel ricordare quel passaggio storico Cgil, Cisl e Uil rilanciano oggi con iniziative per chiedere alle Istituzioni e alle altre parti sociali un ‘Patto per la salute e la sicurezza’ che fermi la lunga scia di tragedie”.

Previste assemblee unitarie in tutta la regione tra cui alla Fincantieri di Ancona, alla Ifi di Tavullia (Pesaro Urbino), alla Barilla di Ascoli Piceno, alla Loro Piana di Porto Sant’Elpidio (Fermo), alla Fratelli Guzzini di Recanati (Macerata) e tante altre.

Gli infortuni hanno spesso esito mortale: tre i lavoratori deceduti dall’inizio dell’anno, dopo un 2020 con 46 morti sul lavoro e 15mila infortuni complessivi. Ancona è la provincia che ha registrato il maggior numero di infortuni: ben 1.555 contro i 910 di Pesaro Urbino, 838 a Macerata, 408 ad Ascoli e 372 a Fermo. “Una lunga scia di sangue, non più tollerabile, – commentano i sindacati – che si abbatte sugli affetti delle famiglie, sul loro reddito e sul loro futuro”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.