ASCOLI PICENO – Di seguito una nota stampa, giunta in redazione il 5 giugno, dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Ascoli Piceno.

La mattina del 5 giugno, in contemporanea con la celebrazione tenutasi a Roma a livello nazionale, i Carabinieri della Provincia picena hanno solennemente ricordato, ancorché con una sobria cerimonia militare senza presenza del pubblico, nel rispetto delle vigenti prescrizioni, i 207 anni dalla Fondazione dell’Arma dei Carabinieri nonché la data storica del 5 giugno 1920, allorquando la Bandiera dei Carabinieri venne insignita della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare per l’eroica partecipazione al primo conflitto mondiale, il grande valore dimostrato ed il sangue versato.

Il Comandante Provinciale, Col. Giorgio Tommaseo, in rappresentanza di tutta l’Arma locale, ha ricevuto il Signor Prefetto, S.E. Carlo De Rogatis, assieme al quale ha deposto una corona e reso gli onori ai Caduti, di fronte ad un picchetto in grande uniforme.

In questa importante giornata, l’Arma ricorda tutti i suoi caduti nei campi di battaglia, nella guerra ad ogni forma di illegalità, comune ed organizzata, nel contrasto al terrorismo ed all’eversione, in Patria ed all’estero, incluse le missioni di pace in insidiosi teatri operativi del mondo.

Nella circostanza, il Comandante Provinciale ha illustrato i risultati del lavoro svolto dai propri Militari che, con il loro quotidiano impegno, hanno continuato a rappresentare sicuro ed affidabile punto di riferimento per la sicurezza delle comunità.

Nel periodo 5 giugno 2020/4 giugno 2021, a cura degli organi investigativi, delle 2 Compagnie, delle 23 Stazioni e delle articolazioni del Gruppo Forestale:

–      sono state controllate 45.884 persone e 7.870 attività commerciali per assicurare il rispetto delle misure per il contenimento della diffusione del virus Covid-19;

–      sono state sviluppate 96.207 ore di servizi esterni per la prevenzione dei reati;

–      sono state tratte in arresto 79 persone e denunciate in stato di libertà altre 899;

–      sono state condotte varie operazioni di servizio di contrasto alla criminalità ed interventi di pubblico soccorso su tutta la Provincia, tra le quali emergono quelle del:

  • 15 giugno 2020, allorquando, a conclusione di un’elaborata indagine iniziata nel settembre del 2018, i Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno tratto in arresto un infermiere professionale presso la R.S.A. (Residenza Sanitaria Assistenziale) di Offida, ritenuto responsabile di 8 omicidi e 4 tentati omicidi di pazienti di quella struttura;
  • 25 luglio 2020, nell’ambito dell’operazione “ARCIPELAGO” coordinata dalla Procura di Ascoli Piceno, i Carabinieri della Compagnia di San Benedetto del Tronto in collaborazione con il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Ascoli Piceno hanno notificato a 33 cittadini pakistani altrettanti avvisi di conclusione delle indagini ed informazione di garanzia per illecito sfruttamento del lavoro ai danni di propri connazionali domiciliati nelle province di Ascoli Piceno e Fermo;
  • 9 ottobre 2020, al termine dell’indagine denominata “BAJA BLANCA”, i militari del Nucleo Investigativo in collaborazione con quelli della Compagnia di San Benedetto del Tronto hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 13 cittadini, albanesi ed italiani, facenti parte di un sodalizio criminale dedito allo spaccio di sostanza stupefacente su tutta la costa picena;
  • 15 gennaio 2021, in Ascoli Piceno, a poche ore dall’omicidio per accoltellamento di un ex collaboratore di giustizia da anni residente in questo Centro, il Nucleo Investigativo ha tratto in arresto un pregiudicato rumeno e posto in stato di fermo suo nipote minorenne, entrambi residenti ad Ascoli Piceno;
  • 24 marzo 2021, a conclusione di un’indagine avviata nell’ottobre 2020, a seguito del ritrovamento in un casolare nelle vicinanze di Ascoli Piceno di una serra indoor ospitante una coltivazione di cannabis, composta da oltre mille piantine, i militari del Nucleo Investigativo in collaborazione con quelli della Sezione Operativa della Compagnia di Ascoli Piceno hanno tratto in arresto su provvedimento dell’A.G., il proprietario dell’immobile e due cittadini albanesi suoi complici;
  • 25 marzo 2021, in Offida e Ascoli Piceno, i salvataggi in extremis di un giovane che aveva tentato il suicidio lanciandosi da un balcone e di un anziano disperso da numerose ore;

−      sono stati, inoltre, diversi e proficui gli interventi al ricorrere di gravi episodi di stalking, tra cui rileva l’arresto in flagranza di reato del 23 dicembre 2020, di un giovane, già attenzionato, che, parzialmente travisato ed armato di coltello, inseguiva in auto l’ex compagna;

−      di rilievo anche l’intensa attività svolta nel settore di precipua competenza dall’articolazione Forestale dei Carabinieri, nell’ambito della quale emergono:

  • nel novembre 2020, il deferimento all’A.G. di un soggetto che, nel comune di  Comunanza, ha proceduto al taglio di un bosco misto di conifere e latifoglie;
  • nel febbraio 2021, il deferimento all’A.G. dei titolari di due aziende di confezione di capi di vestiario e jeans che hanno stoccato rifiuti speciali pericolosi ed immesso in atmosfera sostanze chimiche nei pressi del fiume Tesino.

Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.