BARCELLONA (SPAGNA) – Romano Fenati ha preso parte con la sua squadra, il Max Racing Team di Max Biaggi, al Gran Premio di Spagna di Moto3, dove ha tagliato il traguardo in undicesima posizione, a +334 da Sergio Garcia.

Allo spegnimento del semaforo, Fenati non ha avuto una grande partenza dall’undicesima posizione e al primo giro è transitato in tredicesima posizione. Lottando al centro del gruppo ed effettuando molti sorpassi è riuscito pian piano a risalire e all’inizio del dodicesimo giro si è portato in prima posizione.

Da li in poi, complici anche le scie che si creano sul rettilineo, si sono verificati vari capovolgimenti di fronte e all’ultimo giro Fenati è transitato sul traguardo in quattordicesima posizione. Purtroppo però alla curva 8, Sasaki è caduto proprio davanti a Fenati, che per evitarlo è stato costretto ad effettuare una gran frenata. La moto di Sasaki ha comunque colpito l’ Husqvarna del pilota ascolano e nell’impatto si è anche rotto il parafango anteriore. Fenati è riuscito con difficoltà a raggiungere il traguardo, classificandosi in undicesima posizione. I punti guadagnati gli permettono di conquistare la quarta posizione nella classifica di campionato.

Romano Fenati: “Non è facile guidare in questo pazzo gruppo, ma qui è stato davvero difficile. Il feeling con la moto è stato molto buono, anche se ho perso un po’ di confidenza con la gomma anteriore a causa del contatto. La prossima gara sarà sicuramente migliore”.

Max Biaggi: “E’ stata una gara molto sfortunata! Infatti Romano avrebbe potuto raccogliere molto di più, visto che nell’ultimo giro era in una buona posizione. Purtroppo gli è caduto Sasaki davanti e la sua moto lo ha colpito. Romano non è caduto ma si è staccato dal gruppo che lottava per le prime posizioni. Speriamo in Germania di essere maggiormente fortunati! Sinceramente devo dire che non mi è piaciuto che nell’ultimo giro la maggior parte dei piloti di testa, tranne Romano e pochi altri, hanno rallentato vistosamente per non tirare gli avversari. La trovo una cosa vergognosa, visto che è proprio in questi frangenti che si verificano gli incidenti. Io spero che la direzione gara abbia visto ciò che è successo e prenda dei provvedimenti”.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.